Seguici su

Eventi

Federico, Marika, Riccardo: il parere di 3 studenti sulla pubblicità tabù

Pubblicità scomoda e censura su argomenti considerati tabù: è giusto che determinati spot vengano bloccati?

Pubblicato

il

TORINO – Durante «disruptive content», l’evento organizzato MARKETERs, si è parlato di pubblicità scomoda. Grandi realtà come Facebook o emittenti televisive bloccano la diffusione di spot pubblicitari creati da piccole medie imprese. Il motivo? Si parla di argomenti scomodi, ma pur sempre attuali (e interessanti) come le coppette mestruali e i sex toys. E’ giusto? O sarebbe meglio ridurre i contenuti pubblicitari che inneggiano alla violenza e al gioco d’azzardo? Ecco le risposte di 3 studenti: Federico, Marika e Riccardo.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending