Seguici su

Salute

Impossibile prenotare visite ed esami medici: il Cup della Regione è bloccato

Troppe chiamate al Centro Unico di Prenotazione (CUP) della Regione Piemonte, e così va in tilt. Impossibile prenotare chiamando il numero verde

Pubblicato

il

Cup della Regione va in tilt

Se si ha bisogno di prenotare una visita o un esame medico al Cup Unico della Regione Piemonte, in questi giorni è meglio lasciar perdere. Il servizio infatti non è disponibile. Se si prova a comporre il numero verde 800.000.500 e si digita 2 e poi ancora 2 per prenotare, il “disco” informa che gli operatori sono tutti impegnati e invita a richiamare in altro orario. Cose è successo?

Troppe richieste o che altro?

Troppe chiamate e richieste, per questo il Centro Unico di Prenotazione (Cup) è andato in tilt. E a quanto pare non è “colpa” della Regione, ma sarebbe delle aziende che gestiscono il servizio di prenotazione – tra cui TIM. Per questo, la Regione, nelle vesti dell’assessore alla Sanità Luigi Icardi, ha in mente di far partire le contestazioni con la richiesta di un pagamento di penali per il disservizio.

Da un minuto a oltre dieci

Se si insiste, magari prima o poi si riesce anche a parlare con un operatore: questa mattina noi ci abbiamo provato, ma non ci siamo riusciti. Tuttavia, in base a quello che doveva essere assicurato dal servizio, si sarebbe dovuto ottenere risposta da un operatore nel giro di un minuto, ma oggi si attendono come minimo dieci minuti – sempre che si riesca a infilarsi tra una chiamata e l’altra. E qui è una specie di lotteria.

Colpa del Covid

A quanto pare il Covid-19 ha causato danni anche al servizio del CUP: non solo si sono dovuti riprogrammare e posticipare tutti gli esami e le visite, a causa del lockdown, ma ora non si riesce nemmeno a prenotare per il futuro. Secondo quanto emerge, il problema è stato proprio che a causa dell’emergenza sanitaria le aziende che gestiscono il servizio hanno messo troppi addetti in cassa integrazione – così ci sono poche persone che rispondono al telefono. E la situazione non è così semplice da gestire e risolvere. Tra i vari problemi, infatti, c’è la riduzione del numero di visite ed esami possibili: da tre prima dell’emergenza coronavirus si è passati a uno, per cui se ne possono prenotare meno.

La soluzione

Tra le diverse soluzioni per ovviare al problema ci sarebbe l’allungamento dell’orario di visite ed esami: per esempio, sino alle 20:00 sabato compreso – così come proposto dalla Regione alle Asl, che tuttavia non sono ancora organizzate per questo.
Altra soluzione è la visita a distanza, o Televisita. Questo servizio dovrebbe essere attivato dalla Regione Piemonte nei prossimi mesi. Si pagherà sempre un ticket, ma minore rispetto alla visita in presenza. La visita streaming online dovrebbe, nelle intenzioni, dare un po’ di respiro agli ospedali e agli ambulatori, svuotando le sale d’attesa e locali che potrebbero essere utilizzati per altro – come per esempio in caso di altra emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE

Immagine di copertina credit: pixabay-Alexas_Fotos

6 Commenti

6 Comments

  1. Elia

    1 Luglio 2020 at 12:54

    Io ho provato almeno una trentina di volte senza esito. Ma l’attesa che mi ha premiata è stata di 30 minuti

  2. Cristina

    1 Luglio 2020 at 20:37

    Al telefono e inutile provare, via fax iinvece rispondono, ti richiamano ma per molti servizi non hanno date disponibili dai reparti stessi e il peggio che non tengono il fax per richiamare appena avranno le date… do

    Dicono di rispedire il fax tra due settimane

  3. Marco

    17 Giugno 2021 at 12:44

    Scostanti, arroganti incompetenti maleducati

  4. Giuseppe

    21 Giugno 2021 at 10:56

    Io personmente ho una ricetta datata 28 settembre 2020 per una visita di controllo e non dico quante volte ho già cercato di prenotare e senza esito,ancora oggi 21/06/21 ho riprovato e dopo aver atteso i canonici 10 mn è caduta la linea ( una beffa ),ritengo che il sistema sia un’ obbrobrio e l’App sia ancora peggio perché impostando un periodo che va da luglio a dicembre risulta non vi sia disponibilità, sembra fatto apposta per fare perdere la pazienza alla gente.

  5. Roberta Benvegnu

    10 Luglio 2021 at 10:47

    Ho provato e riprovato per 3 giorni consecutivi… Rimanendo in linea anche più di 20 minuti.. Risultato riagganciano… È una vergogna… Che ci provino a fare pagare la prestazione per non avere disdetto!!!!

  6. MATILDE ROSELLI

    22 Luglio 2021 at 18:27

    Io non riesco a prenotare né a telefono né con l’app che oggi neanche mi si carica…
    Non è possibile dare un servizio del genere!!!… Ho prenotato una visita in Lombardia e devo dire che sia i tempi d’attesa che tutto il sistema sono UN ALTRO PIANETA!!! il sistema intuitivo intanto chiede già la provincia così che a una persona di Alessandria le vengano proposte visite a Novara Torino o Cuneo!! …e rispondono con tempi d’attesa molto inferiori passando la struttura dove si vuole effettuare la visita! ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *