Seguici su

Quartieri

Strade colabrodo a Torino: la buca di corso Toscana transennata da 6 mesi e mai riparata

Una buca transennata da sei mesi e mai riparata in corso Toscana. La segnalazione dei cittadini perché pericolosa per chi guida e si rischiano incidenti

Pubblicato

il

Buca in corso Toscana
Buca in corso Toscana mai riparata

Strade di Torino colabrodo. Ce ne sono tante, alcune riparate; alcune no. Come la buca di corso Toscana all’incrocio con via Sansovino transennata da 6 mesi e mai riparata (vedi foto). Qui c’è il serio rischio di incidenti stradali

I cittadini segnalano

«Diversi cittadini ci hanno segnalato, e abbiamo poi constatato con sopralluogo insieme a una delegazione di essi, che in corso Toscana all’incrocio con via Sansovino è presente una buca transennata da oltre 6 mesi – spiega Marina Trombini, presidente dell’associazione Giustizia & Sicurezza – È stata messa in sicurezza, ma quando verrà riparata e quindi eliminate le transenne?».

Un po’ troppo tempo per una buca

«Crediamo che sia davvero lungo un tempo di sei mesi per una riparazione – sottolinea Trombini – anche perché chi svolta a sinistra da corso Toscana rischia incidenti frontali con chi svolta nel senso opposto. Abbiamo scritto alle istituzioni per richiedere una riparazione urgente».

La buca di corso Toscana angolo via Sansovino

I cittadini hanno aspettato fin troppo

«Mi chiedo come sia possibile – aggiunge Paolo Biccari, cittadino attivo della circoscrizione 5 – che in un incrocio importante debba rimanere oltre sei mesi una buca transennata senza che venga svolto l’intervento di ripristino. Anche qui un problema di risorse economiche? Le istituzioni intervengano subito, i cittadini hanno aspettato troppo per un banale intervento».

Contribuisci su Torino Fan
1 Commento

1 Commento

  1. Carmela Angiolilli

    3 Marzo 2021 at 10:56

    Sono vent’anni che Torino mi ha accolta e resa figlia di questa città storica e non l’ho mai vista in questo degrado. Purtroppo le persone non ne hanno rispetto. Chi arriva, impone la sua cultura, diversa dalla nostra e noi per paura, chiniamo la testa, soprattutto con un’amministrazione complice bel voler affossare la nostra stupenda e storica città. perfavore, che non si dica che non ci sono soldi, o che le amministrazioni precedenti hanno lasciato debiti. I debiti ci sono sempre stati, ma la nostra Torino è diventata così, negli ultimi 6 anni. Chi ha il coraggio, dica il contrario, resta il fatto che siamo alla stregua di tante città con amministrazioni fantasma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità