Seguici su

Featured

T-Red a Torino: per ora “salvi” gli automobilisti, se ne riparla a fine mese

I quattro nuovi impianti T-Red o Vista Red a Torino, per il momento non sono attivi. Gli automobilisti sono per ora salvi. Ecco cosa è accaduto agli impianti

Pubblicato

il

T-Red a Torino

Ne abbiamo parlato diffusamente nei giorni scorsi: dal 17 febbraio 2020 dovevano essere attivi i quattro nuovi impianti dei semafori a controllo del rosso, detti T-Red o Vista Red. Ma, secondo quanto comunicato dalla Polizia Municipale di Torino e dalla stessa Città di Torino, gli impianti non sono mai stati attivati. Perché?

I quattro nuovi impianti T-Red non attivi

Ad aver decretato la posticipazione a fine febbraio o inizio marzo dell’attivazione dei quattro nuovi impianti di controllo del rosso (T-Red o Vista Red) pare sia stato il forte vento della scorsa settimana, che a Torino si è fatto sentire in modo prepotente. E proprio le raffiche di vento pare abbiano danneggiato gli impianti. Per cui, per il momento, i T-Red posizionati agli incroci di corso Lecce angolo corso Appio Claudio, via Pianezza angolo corso Potenza, corso Agnelli angolo corso Tazzoli e corso Corsica angolo corso Giambone al momento sono spenti. Per cui gli automobilisti indisciplinati, per ora, sono “salvi”.

T-Red, si attendono comunicazioni dalla Polizia Municipale

Per l’effettiva data di attivazione dei nuovi Vista Red si dovranno attendere comunicazioni da parte della Polizia Municipale di Torino. Nel frattempo, i tecnici stanno eseguendo i test per verificare che il corretto funzionamento degli impianti. Se tutto funzionerà come si deve, allora dovrebbe arrivare il via libera definitivo, che si presume sarà intorno alla fine di questo mese.

Ricordiamo che chi sgarra rischia multe salate e non solo

I cosiddetti furbetti del rosso devono stare molto attenti (anche se sarebbe auspicabile che evitassero di bruciare il rosso) perché le multe sono piuttosto salate, così come il decurtamento dei punti patente. Lo ricordiamo, nel caso ci si fermi con il proprio mezzo oltre alla linea di arresto, le multe vanno da 42 a 173 euro e due punti in meno sulla patente. Per chi invece si fa beffe del semaforo rosso, le multa vanno dai 167 ai 666 euro, con in più  la decurtazione di 6 punti patente. Ma, nonostante ciò, sono ancora molti (troppi) i guidatori che non rispettano le norme, visti i numeri delle multe elevate da quando sono attivi i primi T-Red.

Nei prossimi mesi arrivano gli altri T-Red

Per chi non lo sapesse ancora, nei prossimi mesi si attende l’attivazione di nuovi impianti per il controllo del rosso. I nuovi T-Red o Vista Red saranno infatti posizionati agli incroci tra corso Bramante e corso Turati, corso Turati e corso Rosselli, corso Siracusa e corso Tirreno, piazza Pitagora e corso Orbassano, corso Unione Sovietica e piazzale San Gabriele, corso Vittorio Emanuela II e corso Castelfidardo, e corso Vittorio Emanuele II e corso Vinzaglio. Tuttavia, circa la data effettiva di attivazione ancora non si sa nulla. Quando lo sapremo vi avviseremo per tempo. Per il momento, ricordate di rispettare il codice della strada, per la vostra e l’altrui sicurezza.

VEDI ANCHE: Autovelox in tangenziale di Torino: da oggi attivi i primi due. Ecco dove.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending