Seguici su

Il vino è per tutti

Supermercato. La qualità del vino al giusto prezzo

Sotto ad una certa cifra è meglio non acquistare. Scopri qual è il prezzo minimo del vino di qualità al supermarket

Pubblicato

il

Questo è l’argomento principe sia per un consumatore di vino esperto sia per chi non è avvezzo al mondo enologico. Io parto da un presupposto fondamentale che rispecchia anche la mia identità di wine blogger: il rapporto qualità / prezzo.  Ho potuto confrontarmi in diverse discussioni con esperti del settore sulla qualità e sul prezzo del vino, dibattiti che hanno rafforzato la mia convinzione tanto da averne scritto un articolo sul mio blog personale che ha fatto discutere gli iscritti di alcuni social dedicati al vino ( Qui potrai prenderne visione [Link] )

Il prezzo giusto per il vino al supermercato

Senza indugi ti indico quale sia per me il prezzo minimo per acquistare una bottiglia di vino al supermercato che garantisca la buona qualità del prodotto:

6 euro.

Attenzione, come ho scritto in un precedente articolo [Link] di questa rubrica “il vino è per tutti”, bisogna valutare non soltanto il prezzo ma anche altri parametri per selezionare nella miriade di bottiglie di una corsia del supermercato un vino di qualità :

  • Le bottiglie da 75cl. e non cartocci o bottiglioni scadenti

  • Il prezzo

  • La denominazione d’origine

  • Il produttore

Il primo consiglio è stato ampiamente affrontato nel post dedicato al contenitore del vino sempre su Torino Fan [Qui link], un suggerimento alquanto facile da seguire completato da qualche accorgimento tecnico sui vari involucri per confezionare il vino.

Per mia esperienza, se si volesse diminuire drasticamente – perlomeno al 90% – la probabilità di imbattersi in una bottiglia di scarsa qualità, non si dovrebbe acquistare a una cifra inferiore a 6 euro (o poco meno di qualche centesimo) per una bottiglia da 75cl.

Vini di qualità a basso costo

Naturalmente esistono vini di buona fattura al di sotto del prezzo che ti ho indicato ma bisogna saper districarsi bene tra gli altri indicatori di qualità sopraelencati e ad altri fattori che incidono sul buon rapporto qualità/prezzo, uno fra tutti è l’esperienza, cioè aver bevuto tanti vini e molti dei quali che abbiano visto purtroppo da molto vicino il lavello della cucina.

Vino, sconti e promozioni

Approfitta degli sconti, spesso sono delle promozioni, guarda attentamente il prezzo di listino che non sia inferiore al valore che ti ho consigliato.

E’ opportuno tenere in conto un’altra valutazione legata alla tipologia di vino, il mercato enoico è vasto e variegato, ad esempio per un vino che ha fatto un processo di lavorazione lungo e/o appartiene a un determinato territorio, la soglia del prezzo minimo si alza notevolmente.

I vini Barolo, Barbaresco, Roero, Amarone, Brunello di Montalcino, Aglianico del Vulture, Montefalco Sagrantino,Taurasi, e molti altri vini strutturati adatti ad un invecchiamento che, semplificando al massimo, in genere sono DOC e più spesso DOCG (questo sarà un argomento del prossimo articolo), non mi avventurerei su di essi a prezzi inferiori a 16 – 18 euro.

Un altro esempio è il prezzo minimo per uno spumante Metodo Classico, non acquisterei sotto i 14 – 16 euro ad eccezione di alcune realtà particolari.

Ti avverto che devi fare attenzione sulla tipologia appena descritta, sull’etichetta dello spumante deve esserci scritto Metodo Classico oppure la denominazione Franciacorta, Trento, Talento, Alta Langa, gli altri spumanti non hanno una lavorazione lunga e complicata come le denominazioni appena descritte.

Vorrei precisare che i miei suggerimenti sono indicazioni generali e i termini da me usati non sono strettamente settoriali ed esatti, è semplicemente un metodo necessario per far comprendere al meglio il mondo del vino (anche nella parte commerciale) ad un consumatore generico.

Nel prossimo post: la denominazione d’origine

Continua a seguire la mia rubrica “il vino è per tutti” [Link], troverai il prossimo post dedicato alla denominazione d’origine.

Se non ti è chiaro o non è comprensibile oppure se non sei d’accordo o ritieni invece l’argomento condivisibile scrivimi attraverso i commenti dell’articolo o in qualsiasi altra piattaforma Social a me riconducibile.

Per saperne di più ti invito a visitare il blog vinoamoremio.it oppure la pagina Facebook / Twitter  / Instagram  @vinoamoremio

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending