Seguici su

Comune di Torino

L’anagrafe a Torino è nel caos cinquemila pratiche ferme da giugno

Anagrafe di Torino nel caos: proteste per le interminabili attese e l’arretrato. C’è chi va nei Comuni della provincia

Pubblicato

il

Migliaia di pratiche ferme e lunghe attese per poter ottenere un appuntamento, questa è la situazione assurda in cui si trova l’anagrafe centrale di Torino.

“Emigrare” per un certificato

Molti cittadini, pur di non andare lì, prendono la macchina e preferiscono recarsi nei comuni della cintura, dove le code per fare i documenti sono molte più corte. A oggi, chi cerca di prenotare l’appuntamento per fare la carta d’identità elettronica in via Giulio viene rimandato all’inizio di marzo cioè tra sei mesi: “Quasi una gravidanza” commenta il capogruppo della lista civica Francesco Tresso, anche lui alle prese con il rinnovo dei documenti.

In provincia va meglio

Va molto meglio a Pinerolo, dove nel giro di qualche settimana si è certi di passare. Anche sul fronte delle pratiche online non va molto meglio, sono circa una ventina i dipendenti in smartworking che si occupano delle pratiche tramite e-mail. A oggi, le pratiche evase sono ferme al 19 giugno 2020.

I cittadini protestano

Sono mesi che i cittadini si lamentano del disservizio, ma le cose purtroppo non cambiano. Da questo, secondo molti, pare evidente che questa Amministrazione non è in grado di affrontare il problema.

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending