Seguici su

Covid 19

Vaccino Covid, l’unica strada che porta alla libertà. La testimonianza di chi c’è passato

Vaccino Covid: l’unico modo per tornare a vivere ed essere liberi. La testimonianza di chi si è ammalato e ora si è vaccinato

Pubblicato

il

Vaccino Covid

«Fi­nal­men­te è ar­ri­va­to il mio mo­men­to an­ch’io mi sono sot­to­po­sto al vac­ci­no Co­vid 19, dopo es­ser­mi am­ma­la­to e aver sviluppato tutti i sin­to­mi, e dopo essere guarito, pos­so solo con­si­glia­re ai miei col­le­ghi, ai pa­zien­ti, agli ami­ci di sot­to­por­si al vac­ci­no»così il se­gre­ta­rio di Con­fin­te­sa Sa­ni­tà To­ri­no, Fran­ce­sco Lip­po.

Come funziona il vaccino

Gra­zie alla nuo­va tec­ni­ca, l’obiettivo prin­ci­pa­le è som­mi­ni­stra­re di­ret­ta­men­te l’mR­na che con­trol­la la pro­du­zio­ne di una pro­tei­na, con­tro la qua­le si vuo­le sca­te­na­re la rea­zio­ne del si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio. Nel caso del vi­rus re­spon­sa­bi­le del­la pan­de­mia la pro­tei­na è la Spi­ke, l’ar­ti­glio mo­le­co­la­re uti­liz­za­to per ag­gan­cia­re le cel­lu­le sane e in­va­der­le. Per tra­spor­ta­re le istru­zio­ni per in­dur­re le cel­lu­le a pro­dur­re la pro­tei­na Spi­ke ven­go­no uti­liz­za­te mi­nu­sco­le na­vet­te fat­te di li­pi­di.

La pro­tei­na Spi­ke è sta­ta una del­le pri­me a es­se­re in­di­vi­dua­ta, è ben nota e si è os­ser­va­to che il si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio uma­no è in gra­do di ri­co­no­scer­la. Non ap­pe­na que­sto av­vie­ne, le di­fe­se del­l’or­ga­ni­smo sti­mo­la­no la pro­du­zio­ne di cel­lu­le B, che pro­du­co­no an­ti­cor­pi, e di cel­lu­le T, spe­cia­liz­za­te nel di­strug­ge­re le cel­lu­le in­fet­te. Il vac­ci­no quin­di non con­tie­ne vi­rus at­te­nua­ti o quan­t’al­tro: in soldoni, è as­so­lu­ta­men­te si­cu­ro.

Per­ché fare il vac­ci­no?

Que­sta pan­de­mia ci ha fat­to comprendere quan­to sia­no im­por­tan­ti le re­la­zio­ni e l’in­te­ra­zio­ne tra le per­so­ne, quan­to la sa­ni­tà pub­bli­ca e pri­va­ta gio­chi­no un ruo­lo fon­da­men­ta­le in una Na­zio­ne, e se le strutture sono al collasso per mancanza di personale e la popolazione è ma­la­ta la Na­zio­ne, la produzione, e l’economia si deve fer­ma­re.

Nuovi modi di lavorare

Que­sta Pan­de­mia ci ha fatto sperimentare nuo­vi modi di la­vo­ra­re tipo lo smar­t-working, il delivery, ma allo stes­so tem­po abbiamo perso mol­ti po­sti di la­vo­ro. Oggi più che mai il sindacato è presente al fianco dei lavoratori che hanno protestato per la mancanza di presìdi e tutele sui posti di lavoro, oggi più che mai il sindacato è al fianco dei lavoratori che combattono per difendere la propria occupazione.

Tornare a vivere

Vo­glia­mo tor­na­re a viag­gia­re, a vi­ve­re, a la­vo­ra­re; vo­glia­mo una sa­ni­tà pub­bli­ca e pri­va­ta sana, vogliamo gli aperitivi, gli abbracci, i concerti, vogliamo tornare alla normalità.

Con­fin­te­sa Sa­ni­tà pro­muo­ve la cam­pa­gna vac­ci­na­le, in quan­to l’u­ni­co mez­zo per ri­tor­na­re a vi­ve­re li­be­ri.

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità