Seguici su

Cronaca Live

Torino, chiama la Polizia per una lite al supermercato ma si dimentica di essere un’evasa

Una donna chiama la Polizia durante una lite al supermercato: arrestata, era un’evasa

Pubblicato

il

Evasa chiama polizia per lite al supermercato

TORINO – Brutta pensata, per una donna, quella di chiamare la Polizia durante una lite al supermercato. Infatti, viene lei arrestata perché era un’evasa.

Tutto quello che non avrebbe dovuto fare

In sequenza, la donna arrestata, ha prima abbandonato i domiciliari, poi è andata al supermercato, ha litigato e aggredito la cassiera e, infine, ha anche chiamato la polizia proprio a causa del diverbio.

La scoperta della Polizia

Al loro arrivo gli agenti del Commissariato Barriera Milano, dopo aver ascoltato le parti, ricostruito l’accaduto e fatte le verifiche del caso non hanno che potuto concludere l’intervento con l’arresto per evasione della donna che lo aveva richiesto.

Il litigio e l’aggressione

L’arrestata, una donna di 36 anni italiana ai domiciliari, venerdì mattina viola la misura recandosi presso un supermercato di via Cigna in compagnia di sua madre. Quest’ultima ha un alterco con una cassiera nel corso del quale interviene la trentaseienne che schiaffeggia la dipendente dell’esercizio. Interviene una guardia giurata che divide le due donne, trattenendo l’evasa che a causa del suo stato di agitazione cerca di divincolarsi per proseguire la lite. Alla fine, la donna chiama anche la polizia per far valere le sue ragioni. A novembre e dicembre, la donna era già stata denunciata per evasione in altre due circostanze.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending