Apre lo Sportello Covid a Givoletto

La Società di Mutuo Soccorso e la lista civica Vivere Givoletto insieme per informare e aiutare la popolazione con lo sportello Covid1 min


6 shares

Va segnalata l’azione concreta che “Vivere Givoletto”, gruppo  da anni in campo per la tutela e la promozione dei valori umani e della solidarietà tra le persone, ha promosso in questi tempi difficili: l’apertura di uno sportello Covid disponibile per tutti i cittadini per fornire informazioni e indicazioni utili ad affrontare l’emergenza.

Niente code o assembramenti

Nessuna coda: tutto via telefono, e quindi accessibile a tutte le persone, anche a quelle sprovviste di conoscenze informatiche.

Come funziona

“Come funziona lo sportello?” Abbiamo chiesto a Stefania Pignochino, capogruppo consiliare per Vivere Givoletto in Comune e già candidata Sindaco. Ecco la risposta: «È molto semplice. Basta telefonare o inviare un messaggio WhatsApp al numero 350.0319586, dal lunedì al venerdì tra le 9.30 e le 11.30 e tra le 15.30 e le 19.00, e il sabato dalle 9.30 alle 11.30, per essere richiamati dal consulente giusto, senza alcuna spesa».

Quali informazioni si possono avere?
«Di vario genere, perché lo Staff di volontari è composto da uno psicoterapeuta, Filippo Bellavia, da un cardiologo, Massimo Tidu, da una psicoterapeuta, Silvia Monge, da un avvocato, io stessa, e da Sabrina Losa (che si presta come volontaria, come tutti d’altronde), mentre per le questioni più immediate interverranno le due volontarie Barbara Carignani ed Eliana Bertoldo, già attive nel tessuto sociale givolettese. Infine, ultimo ma non ultimo, l’apporto determinante e sempre elevato della Società di Mutuo Soccorso e in particolare del suo presidente, Giancarlo Benin».

Perché far partire lo sportello?

«Perché volevamo dare un segno concreto di solidarietà, sia dando indicazioni operative sia supportando anche e soprattutto chi, in questo periodo, ha forti crisi psicologiche e necessità di essere aiutato, nei modi e nelle forme più opportune, senza improvvisazioni, perché i volontari sono tutti professionisti nel proprio ambito».

Non si poteva stare inattivi

Abbiamo ancora sentito al telefono lo psicoterapeuta Filippo Bellavia e ci ha cordialmente risposto così: «Non potevano stare inattivi. Per professione io vedo e sento il disagio che vivono le persone, sia quello dei malati e dei loro parenti, sia quello di chi vive sospeso nella preoccupazione per la malattia ma anche per il proprio posto di lavoro e per i propri familiari. Noi ci siamo messi in campo e ci auguriamo che l’iniziativa sia utile e serva veramente alle persone».

Un messaggio finale

«Che chiami chi vuole, anche per piccole cose, anche per chiacchierare un poco e rompere il muro di silenzio che talvolta l’isolamento dovuto all’epidemia ha alzato intorno a lui: noi siamo qui. E una delle ‘mission’, come si dice al giorno d’oggi, di “Vivere Givoletto”».

Stefania Pignochino e Filippo Bellavia, tra i promotori dell'iniziativa

Giancarlo Benin, Presidente della storica Società di Mutuo Soccorso di Givoletto


Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

6 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed