Seguici su

News

Porta Susa cambia volto: Ikea la trasformerà in un hotel per Millenials

Ikea compra Porta Susa e in Piazza VIII dicembre sorgerà un albergo per Millenials

Pubblicato

il

Forse molti di voi proprio non se lo aspettavano, ma Porta Susa – o, per meglio dire, la vecchia stazione – sta per cambiare completamente volto. Ad annunciarlo è stato il colosso svedese dell’arredamento, l’Ikea, che ha in progetto una trasformazione radicale. Ma non pensiate si tratti dell’ennesimo super-store. Questa volta l’idea è completamente diversa: a Porta Susa sorgerà uno splendido hotel per Millenials.

Nuova vita a Piazza XVII dicembre

La Piazza XVIII dicembre che avete sempre conosciuto, non esisterà più, perché la Vastint Hospitality Italy, ovvero la società immobiliare del gruppo Interrogo Foundation, che fa capo a Ikea, la rivolterà come un calzino. In collaborazione con le Ferrovie e i Sistemi Urbani RFI, infatti, ha deciso di far erigere un hotel. Ma non uno qualunque. Una struttura dedicata ai Millenials.

Perché proprio i Millenials?

L’idea è quella di creare un albergo in cui potranno soggiornare tutte le persone che partono e arrivano a Torino, una sorta di tappa obbligatoria per chi viaggia spesso. E chi, più dei Millenials, potrebbe essere considerato il candidato ideale? I possibili clienti, infatti, saranno giovani di età inferiore ai 40 anni che amano stare in strutture piacevoli ma con prezzi accessibili a chiunque. Il tutto corredato con boutique e spazi di lavoro.

6 milioni di euro per acquistare Porta Susa

Vastint Hospitality Italy ha acquistato l’immobile per la modifica cifra di 6 milioni e 405 mila euro. Cifra che con tutta probabilità rientrerà molto velocemente considerando che in Piazza XVIII dicembre sorgeranno anche diverse attività commerciali, turistiche e ristorative. Ma l’azienda non si fermerà qua perché sta già pensando di investire ulteriore denaro nel settore alberghiero, sia nella nostra penisola che nel resto dell’Europa. Tutte le strutture saranno rigorosamente dedicate ai Millenials.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending