Seguici su

Eventi

Seicento pasti caldi a settimana per chi è in difficoltà: riparte l’iniziativa #GuardaOltre

Riparte l’iniziativa #GuardaOltre: la distribuzione on the road di pasti caldi ogni settimana a chi è in difficoltà: famiglie, persone senza dimora, anziani. Tutti i dettagli

Pubblicato

il

#GuardaOltre dona pasti caldi ogni settimana

Un’iniziativa lodevole, quella di #GuardaOltre, che prevede dal 1° dicembre la distribuzione on the road di 250 pasti caldi a settimana alle persone senza dimora (lunedì, martedì e giovedì), del pranzo della domenica a 10 persone anziane e di un pacco spesa settimanale a 15 famiglie in difficoltà. L’obiettivo è quello di arrivare a distribuire 600 pasti alla settimana e far andare tutti a letto con la cena.

L’iniziativa #GuardaOltre

L’iniziativa #GuardaOltre è promossa da:

● Il Gusto del Mondo: una start up, recentemente costituita come Srl Impresa sociale, che offre servizi di catering includendo nella propria brigata giovani migranti, NEET, diversamente abili e persone transgender, offrendo loro una possibilità di riscatto sociale;

● L’APS Eufemia: associazione promotrice del coordinamento Food Pride Torino per la raccolta delle eccedenze alimentari e specializzata i laboratori di cucina sociale per l’inclusione di utenti psichiatrici, persone senza dimora e persone con fragilità sociale;

● Cucine Confuse: un gruppo informale di donne italiane e migranti accomunate dalla passione per il cibo, che ha da poco aperto la gastronomia che ospita l’iniziativa.

Queste tre realtà, diverse e interconnesse, credono nel cibo come diritto di ogni persona oltreché come elemento di condivisione e inclusione sociale. In quanto bisogno primario, dunque, il diritto al cibo deve essere soddisfatto da adeguate politiche sociali del territorio. Quando questo non succede è la solidarietà tra persone e le reti territoriali a dover reagire.

Rispondere al bisogno alimentare

Già durante il lockdown iniziato a marzo, infatti, Il Gusto del Mondo aveva dato vita all’iniziativa #GuardaOltre, per rispondere al bisogno alimentare di 250 persone senza dimora escluse dai servizi di accoglienza, distribuendo 600 pasti caldi alla settimana grazie al contributo dei volontari, alle donazioni di molti cittadini e alla generosità di aziende solidali. L’esperienza è stata raccontata nel documentario “A letto con la cena”, realizzato da Silvia Pesce e presentato al festival Cinemambiente 2020.

È il momento di ripartire con generosità!

Se vuoi contribuire, dona ora a mezzo bonifico di cui coordinate: IBAN IT 28 P 05018 01000 000016997025 intestato a Il Gusto del Mondo Srl Impresa sociale Indicando nella causale “donazione per GuardaOltre 2.0”.
Se vuoi scoprire di più e rimanere aggiornato visita le pagine social di Il Gusto del Mondo, Associazione Eufemia, Cucine Confuse.

#GuardaOltre
Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità