Seguici su

Cronaca Live

Picchiato e rapinato dal branco che pubblica sui social le foto. I carabinieri fermano tre 16enni

Un ragazzo di 15 anni picchiato e rapinato da una banda di 16enni che poi pubblica sui Social le foto. I carabinieri li individuano

Pubblicato

il

Picchiato e rapinato dal branco a Rosta (TO)

TORINO – I militari dell’Arma hanno individuato e fermato tre 16enni, accusati di aver picchiato e derubato un minore di 15 anni lo scorso fine settimana.

Accerchiato e pestato

In particolare, i carabinieri della Compagnia di Rivoli (TO) sono intervenuti vicino al locale cimitero, dove un 15enne era stato accerchiato e colpito con calci e pugni da tre giovanissimi che gli avevano poi sottratto uno smartphone, le scarpe e la felpa che indossava. Il pronto intervento di un Vice Ispettore della Polizia di Stato, libero dal servizio, aveva indotto i tre aggressori a scappare.

In ospedale

Fortunatamente la vittima, soccorsa e sottoposta agli accertamenti sanitari all’Ospedale di Rivoli, non ha riportato particolari lesioni e, insieme al padre, è riuscito a fornire utili indicazioni che hanno consentito ai carabinieri di giungere in brevissimo tempo all’identificazione di uno dei presunti responsabili. Conferma che il giovane individuato fosse implicato nella vicenda la si è avuta visionando il proprio profilo Instagram dove aveva postato un selfie in cui esibiva la refurtiva.

La foto con la refurtiva postata su Instagram dal 16enne

La banda indagata

Una successiva perquisizione eseguita presso l’abitazione del minore ha fatto recuperare le scarpe e la felpa della vittima, ma non lo smartphone, di cui l’indagato e gli altri due presunti complici, identificati di lì a breve, si erano disfatti per timore di essere rintracciati. La refurtiva recuperata è stata quindi restituita al legittimo proprietario, mentre i tre minori sono stati fermati e accompagnati a casa in attesa dell’udienza di convalida innanzi all’Autorità Giudiziaria minorile. Al termine dell’udienza ai tre minori è stata applicata la misura cautelare della permanenza in casa.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending