Seguici su

Cronaca Live

Folle corsa di un carro attrezzi a Torino: brucia due semafori rossi e va in contromano

Un carro attrezzi per arrivare primo sul luogo di un incidente a Torino passa due volte col rosso e va in contromano. La polizia municipale però ferma la sua folle corsa

Pubblicato

il

Folle corsa di un carro attrezzi a Torino

TORINO – La folle corsa di un carro attrezzi per arrivare primo sul luogo di un incidente è stata per fortuna interrotta dalla Polizia Municipale di Torino, che ha fermato l’autista dopo che aveva commesso una serie di pericolose infrazioni al Codice della Strada.

La folle corsa in città

Il veicolo, percorrendo Corso Orbassano in direzione centro città, è passato con il semaforo rosso negli incroci di Piazza Pitagora e Corso Siracusa, invadendo la carreggiata opposta per superare gli altri veicoli fermi al semaforo.

Fermato e multato

Una volta fermato, il conducente è stato sanzionato, oltre che per violazione di semaforo e guida contromano, anche per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, per un totale di quasi 600 euro. Inoltre, è scattato il ritiro immediato della patente finalizzato alla sospensione da uno a tre mesi.

Gli altri velocisti di Torino

Durante lo stesso servizio di Sicurezza Stradale, gli agenti della Polizia Municipale hanno anche rilevato con apparecchiature elettroniche 140 violazioni dei limiti di velocità e contestato altre 91 violazioni al Codice della strada di cui ben 55 per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza.

Un pericolo per la sicurezza dei cittadini

Il Comandante Emiliano Bezzon ha evidenziato che «quel carro attrezzi, se non fermato, avrebbe potuto creare danni molto seri. Questo episodio ci fa capire quanto sia importante la presenza sul territorio dei Civich e l’azione di vigilanza sulla Sicurezza Stradale. Ma questo non è sufficiente: occorre che i cittadini comprendano che il primo passo per muoversi verso una maggior sicurezza è allacciare la cintura, sempre. Non è possibile che su 91 auto fermate, 55 conducenti non abbiano allacciate le cinture. Troppe anche le persone che utilizzano il telefonino durante la guida e passano col rosso. Occorre una maggior disciplina, attenzione e collaborazione da parte di tutti».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità