Seguici su

Ambiente e Natura

Caldaia o stufa vecchie? Dalla Regione arriva il contributo rottamazione a fondo perduto

La Regione Piemonte ha stanziato i contributi a fondo perduto per rottamare le “vecchie” stufe e caldaie a biomassa. Tutti i dettagli e le info

Pubblicato

il

Termosifone
Contributo a fondo perduto per la rottamazione di stufe e caldaie

Stufa o caldaia vecchie? La Regione Piemonte informa che è aperto fino al 1° settembre il bando della Regione che concede contributi a fondo perduto per quasi 9 milioni di euro ai cittadini residenti in Piemonte che intendono rottamare stufe e termocamini o caldaie per riscaldamento domestico a biomassa legnosa che hanno una potenza al focolare inferiore a 35 kWt e la loro sostituzione con nuovi generatori caratterizzati da basse emissioni e alta efficienza.

Il contributo ammonterà a 1.500 euro per l’acquisto di stufe e termocamini e a 3.000 euro per l’acquisto di caldaie appartenenti alla classe 5 Stelle.

Migliorare la qualità dell’aria

«Il nostro obiettivo – spiega l’assessore all’Ambiente Matteo Marnati – è partecipare al miglioramento della qualità dell’aria e all’incremento dell’efficienza energetica. Il bando rientra nell’ambito delle misure previste dal Piano regionale di qualità dell’aria ed è in linea con l’accordo di programma sottoscritto con le altre Regioni del bacino padano proprio per contrastare le emissioni in atmosfera di impianti a biomassa legnosa ormai vecchi».

Come aderire all’iniziativa

Per poter aderire all’iniziativa, la cui copertura finanziaria è garantita da risorse della Regione Piemonte e del Ministero della Transizione ecologica, occorre aver ottenuto l’attestazione di contributo da “Conto termico” al momento della presentazione della domanda. Il contributo verrà riconosciuto fino all’esaurimento delle risorse disponibili, in aggiunta al finanziamento conseguito con il “Conto termico”.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *