Blocco del traffico a Torino? Allora bus gratis

Se ci sono i blocchi del traffico a Torino, l'assessore regionale Marnati chiede che siano attivati i bus gratis. L'appello alla sindaca Appendino1 min


Giorni di fuoco (anzi, di fumo) questi. L’allarme smog e livelli inverosimili di Pm10 a Torino hanno toccato il loro record. In verità, la situazione è piuttosto drammatica anche in altre città d’Italia, ma Torino rimane comunque una tra quelle con la peggiore qualità dell’aria. E se per tentare di rendere un po’ più respirare quest’aria la risposta dell’Amministrazione è il blocco del traffico, la replica dell’assessore all’Ambiente Matteo Marnati è “bus gratis” durante i blocchi delle auto.

Un piano efficace contro l’inquinamento dell’aria

Se il primo passo è un piano d’emergenza e drastico contro l’inquinamento dell’aria, il prossimo – secondo la Regione Piemonte e l’assessore Marnati – è un Fondo europeo dedicato all’ambiente. Per questo Marnati andrà a Bruxelles nelle prossime settimane per richiedere l’istituzione di un Fondo che sia dedicato alle emergenze ambientali, come quella che si sta verificando in questi giorni nel capoluogo piemontese e nei comuni della provincia.

Bus gratis a Torino

Allo stesso tempo, l’assessore all’Ambiente della Regione Piemonte ha rivolto una “critica-appello” anche alla sindaca di Torino, Chiara Appendino, che secondo lui avrebbe sbagliato nel decidere l’estensione del blocco ai diesel Euro 5, perché «fermare alcune tipologie di auto non produce risultati. I blocchi hanno fatto scendere il Pm 10 soltanto del 10%». E poi, visto che in questo modo si impedisce a molte persone di viaggiare con i propri mezzi, se «fossero coerenti farebbero viaggiare gratis le persone sui mezzi pubblici nei giorni di blocco». Insomma, mezzi pubblici gratis in risposta ai fermo macchina imposti.

Il Green Deal in Piemonte

Oltre al piano ambientale d’emergenza, che ha definito una sorta di Piano Marshall, l’assessore Marnati rivolge anche un appello al Governo al fine di candidare il Piemonte al Green Deal, che è il Fondo messo a disposizione dall’Unione Europea per promuovere il passaggio da modelli economico-produttivi inquinanti a nuovi modelli eco-sostenibili. Lo scoglio da superare è tuttavia proprio il Governo, al quale spetta la decisione su chi candidare al Fondo Green Deal. A detta di Marnati, però, proprio «la nostra regione è candidata naturale per le condizioni in cui si trova, le valutazioni vanno fatte nel merito. Si invocano misure strutturali e questa è un’occasione da non perdere».

VEDI ANCHE: Torino nella morsa dello smog da 18 giorni, è allarme. Se non cambia, ci saranno misure più severe.

foto credit: pixabay/alfons-schuler

Sostieni Torino Fan

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Torino Fan lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed