Seguici su

Viaggi

Balma Boves: il misterioso villaggio piemontese in una dimensione parallela

Da scoprire: l’affascinante e misterioso villaggio Balma Boves in provincia di Cuneo, costruito sotto la roccia. Vi sembrerà di entrare in una dimensione fuori dal tempo

Pubblicato

il

Il villaggio Balma Boves

Il Piemonte, anche per chi già ci vive, spesso riserva delle sorprese. Sono molti, infatti, i luoghi da esplorare e conoscere, e di cui magari non si sapeva dell’esistenza. Uno di questi potrebbe essere Balma Boves, un villaggio costruito sotto la roccia che vi catapulterà in una dimensione parallela, fuori dal tempo.

Su per il Mombracco

Chi dovesse trovarsi a camminare per l’erta che conduce al Monte Bracco (noto anche come Mombracco) sulle Alpi Cozie nel Comune di Sanfront (provincia di Cuneo), potrebbe rimanere stupito dal ritrovarsi di fronte a un misterioso sito, in cui il tempo sembra essersi fermato e che riporta un’epoca in cui l’uomo viveva ancora in armonia con la Natura. Alla prima impressione, vi sembrerà di essere capitati in un villaggio come quello dei Navajos, i pueblo indiani del Nord America.

Balma Boves

Il singolare borgo di Balma Boves si trova a 652 metri di altitudine, ed è stato costruito al di sotto di un’enorme sporgenza rocciosa. Un po’ segnato dal tempo, dal suo abbandono finale verso la fine degli anni ’50 del secolo scorso, oggi il villaggio è stato oggetto di ristrutturazione e poi trasformato in Ecomuseo.

Gli antichi abitanti

Chi si avvicinerà a questo posto da romanzo fantasy, potrà venire a conoscenza dei segreti dei suoi antichi abitanti. Come riporta il sito dedicato, a scandire la vita di chi ci viveva erano anzitutto «lo stretto contatto con la natura, l’autosufficienza, la cura e il saggio sfruttamento delle risorse naturali come l’acqua, la pietra, i frutti della terra. Ancora oggi infatti, gli attrezzi, le abitazioni, le stalle, i fienili, gli essiccatoi per le castagne, le fontane e l’antico forno, ci raccontano di un tempo in cui questi luoghi furono testimoni della cosiddetta “civiltà del castagno”».

Aperto a tutti

Oggi, il villaggio di Balma Boves è aperto al pubblico e, grazie all’associzione Vesulus, affidataria della gestione del sito di Balma Boves per conto del Comune di Sanfront dal 2016, si ha la possibilità di visitare questo affascinante luogo (che custodisce anche tracce di civiltà antiche di millenni). L’associazione si occupa anche di organizzare trekking ed escursioni guidate sul Mombracco.

Informazioni Pratiche

Balma Boves – 12030 Sanfront (Cuneo).
Orari di vista e apertura: la visita esterna dell’Ecomuseo è libera e possibile in qualsiasi periodo dell’anno. La visita agli interni della borgata-museo è possibile solo con guida ed è disponibile solo in alcuni periodi e giorni dell’anno:
Aprile – settembre: dalle 10:00 alle 18:30
Ottobre: dalle 10:00 alle 17:00.

Aperture 2020:
Tutte le domeniche e i giorni festivi dal 02/06/2020 al 25/10/2020, e i sabati dal 13/06/2020 al 12/09/2020.
Aprile – settembre: 10:00 – 18:30.
Ottobre: 10:00 – 17:00.

Tariffe (con visita guidata):

Biglietto intero: 4 euro.
Biglietto ridotto: 3 euro (minori di anni 14 e maggiori di 60; gruppi di almeno 10 persone; tesserati associazione Vesulus; tessera +eventicard)
Ingresso con visita libera: 1 euro.
Omaggio: Abbonamento musei regione Piemonte; residenti Comune di Sanfront; minori di 6 anni; disabili.

Come arrivare al borgo di Balma Boves:
Per accedere alla borgata-museo di Balma Boves si deve raggiungere il comune di Sanfront (Cuneo) e parcheggiare l’auto in uno dei tre parcheggi situati alla partenza dei percorsi pedonali. Per arrivare al villaggio ci sono tre percorsi:
Percorso Strada (percorso di tipo turistico, su mulattiera, con percorrenza di circa 35 minuti);
Percorso Bosco (percorso di tipo escursionistico, su sentiero, con percorrenza di circa 25 minuti);
Percorso Borgata Garzini (percorso di tipo escursionistico, su sentiero, con percorrenza di circa 40 minuti).

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito ufficiale dell’Ecomuseo di Balma Boves.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending