Seguici su

Torino che non va

Torino, in corso Brunelleschi dormire è (quasi) impossibile. Ecco perché

Ecco il motivo per cui i residenti di corsi Brunelleschi potrebbero avere difficoltà a dormire bene

Pubblicato

il

TORINO – Le rumorosissime operazioni di montaggio dei primi banchi del mercato cominciano alle ore piccole della notte: per i residenti riposare è impossibile – scrive in una nota stampa Silvio Magliano, capogruppo dei Moderati del Consiglio Comunale di Torino. «Ribadisco la mia richiesta: una pattuglia della Municipale in zona finché il problema non sarà risolto»

Torino, in corso Brunelleschi dormire è (quasi) impossibile

«Nulla è cambiato dal 2014, anno delle mie prime segnalazioni a riguardo: in sei anni, diverse interpellanze e innumerevoli segnalazioni, tutte senza esiti apprezzabili. I primi banchi del mercato di corso Brunelleschi sono montati alle ore piccole della notte, tra le ore 3.00 e le ore 3.30. Da regolamento, non si potrebbe iniziare a montare prima delle ore 5.30. In ogni caso, non si può esporre e vendere la merce prima delle ore 7.00. Dunque, i banchi restano vuoti per ore», continua Magliano. «La zona è residenziale, il mercato vivo e attrattivo. Sull’area del mercato si affacciano condomini a nove piani. Vi risiedono lavoratori, anziani e bambini, persone con disabilità, persone in condizioni di salute difficili: tutti hanno il sacrosanto diritto al riposo; qualcuno, in compenso, ha ricevuto minacce e insulti per aver rivendicato questo diritto».

Una situazione che si trascina da anni

«La situazione si trascina da anni e non solo non si risolve, ma peggiora. Mi aspetto che sia garantita in loco la presenza di una pattuglia della Municipale, con il compito di verificare ed eventualmente sanzionare i comportamenti non corretti.  La pattuglia della Municipale dovrà essere presente in zona tutte le mattine fino alla risoluzione del problema. Da parte mia, manterrò alta l’attenzione e farò verifiche puntuali», conclude Magliano.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità