Seguici su

Storie

Tipsy, il prototipo del robot barman della torinese Makr Shakr, continua la sua espansione

Vi siete mai fatti preparare un drink da un Robot? Una start-up torinese ha già conquistato tutto il mondo. Presto i baristi saranno sostituiti da robot?

Pubblicato

il

Tipsy robot

Makr Shakr, startup torinese nata nel 2014 per volontà dell’architetto Carlo Ratti,  si occupa di progettare e costruire macchine automatizzate per la miscelazione nel settore food & beverage e ha sede in Piazza Vittorio Veneto 9. I dipendenti sono tutti ingegneri e informatici. La Società si prefigge di produrre 70 robots all’anno al costo di 100 mila euro.

La richiesta di Google

L’idea di costruire un barista robot ( meglio, un cobot vale a dire un robot collaborativo) nasce da una richiesta di Google che voleva un cobot da presentare a un grande evento americano.

Studio, ideazione e prototipo

Nasce Tipsy, il prototipo del robot barista che sostituisce il barman. L’intero progetto è stato studiato dall’Amministratore Delegato dell’azienda, Emanuele Rossetti, e dall’architetto Carlo Ratti, responsabile di un dipartimento dell’Istituto di Tecnologia del Massachusetts. Il prototipo Tipsy è stato disegnato dallo studio di progettazione Carlo Ratti Associati e sviluppato in collaborazione con il Senseable City Lab del Massachussets Institute of Technology. Partner : Yaskawa e Kuka.

La presentazione di Tipsy a Torino

La presentazione di Tipsy è  avvenuta nello spazio Robo.To, il club estivo dell’innovazione qui a Torino ai Murazzi nel 2018.

Tipsy a Milano

Il robot è sbarcato a Milano a luglio 2019 sulla Terrazza della Town House, al quinto piano di via Silvio Pellico, 2 ed è diventato Guido, nome “più umano”.

Tipsy a Dubai

Poco dopo, è arrivato anche a Dubai dove prepara, a ciclo continuo, tutti i cocktail presenti nel menu della App per smartphone che è stata usata alla TownHouse di Milano. Il cobot è dotato di due bracci meccanici: uno mixa gli ingredienti, l’altro prende il bicchiere e serve al bancone ed è in grado di preparare 120 drink all’ora.

Nel futuro tassa sui robots?

L’Oxford Martin School, divisione ricerca e politica dell’Università di Oxford, afferma che in futuro i baristi avranno 77 probabilità su 100 di essere sostituiti dai robots. Al momento in tutto il mondo esistono soltanto sette robots di questo tipo  ma le ricerche della Makr Shakr vanno avanti sempre più sofisticate.

A questo punto  si sta già discutendo della possibilità concreta  di tassare i robots per finanziare un reddito garantito a chi perderà il lavoro.

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità