Teatro Regio commissariato

Perchè deve essere commissariato? Luci e ombre del Teatro Regio1 min


3.8k shares

Il Teatro Regio deve essere commissariato perché dopo anni di passivo  anche quest’anno evidenzia un buco di bilancio di 2.300.000 euro, ancora cresciuto, che non verrà ripianato. Le Fondazioni bancarie, dopo anni di apporti finanziari mai risolutivi, hanno  dichiarato che una ristrutturazione si rende necessaria: non intendono più ripianare il debito perché , in questo periodo di grande crisi, sono  impegnate come non mai a sostenere  i bisogni  urgenti della società. La Sindaca  Chiara Appendino  sta concordando con il Ministro Franceschini la nomina di un commissario.

E’ indubbio che su questa decisioni pesi l’indagine che coinvolge sia  l’ex sovrintendente William Graziosi accusato di corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio, che Roberto Guenno, corista e sindacalista,  responsabile Innovazione e Sviluppo direttamente nominato da Graziosi. L’attuale sovrintendente Sebastian Schwarz, nominato a luglio 2019,  nel caso accetti la nuova situazione, potrà restare ma con un incarico solo più di consulente artistico. Schwarz ha piena fiducia nell’operato della Magistratura  e si augura che sia chiarita al più presto la scottante vicenda per il bene del Regio e per non penalizzare i lavoratori del teatro in questo periodo già così difficile.

Al Teatro Regio  gli ultimi anni sono stati turbolenti e hanno dato luogo a pareri contrapposti. William Graziosi era arrivato a Torino all’inizio del 2018 dopo le dimissioni di Walter Vergnano che aveva guidato il Teatro per 19 anni e che con il M°   Gianandrea Noseda aveva rilanciato l’immagine del Regio anche a livello internazionale. Il direttore d’orchestra Noseda non aveva apprezzato la nomina di Graziosi e, poco dopo, se ne era andato via e anche il direttore artistico, Alessandro Galoppini, molto apprezzato da tutti i lavoratori e dal pubblico , non riusciva a lavorare con lui. Poco dopo  il Teatro non rinnovò il suo contratto di collaborazione facendogli  però un favore in quanto ora, Galoppini, è il nuovo Casting Manager del Teatro alla Scala di Milano..

Speriamo vivamente che tutto si risolva per il meglio  e al più presto ma sorge spontanea una domanda: “Come funzionano le altre Fondazioni liriche italiane”?

Potrebbe questo essere lo spunto per una nuova triste puntata?

[ARTICOLO INSERITO DA UN LETTORE DI TORINO FAN]

Sostieni Torino Fan

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Torino Fan lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

3.8k shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed