Storie di resistenza: quando i calciatori non erano playboy con macchinoni e compensi da capogiro

Avete mai notato la pietra d'inciampo in via San Donato? Questa è la sua storia.1 min


2.8k shares, 2 points

C’era un tempo, anche in Italia, dove i calciatori non avevano mogli modelle, villoni, macchinoni e compensi da capogiro.
Ed è forse l’unico calcio vero, di cui valga ancora la pena parlare.
Era il 1904 quando nacque Vittorio Staccione, in piena Torino. Figlio di una famiglia che diede al calcio anche un altro figlio, Eugenio. Negli almanacchi del tempo erano segnati come Staccione I, Vittorio, e Staccione II il fratello.

Una famiglia antifascista

Vittorio nacque in una famiglia operaia politicamente estremamente votata a sinistra e per questo profondamente antifascista. Era un centrocampista Vittorio e iniziò a giocare, naturalmente, nella squadra della sua città, il Torino. Giocò poi nella Fiorentina per chiudere la sua carriera a Cosenza e tornare a casa, a fare l’operaio FIAT, con tutte le lotte di classe annesse. Ve lo vedete Ronaldo fra due anni a fare l’operaio in FIAT?

Poi, arriva il fascismo e tutto cambiò

Nel frattempo però era arrivato anche il fascismo.
Vittorio era talmente contrario al fascismo che nemmeno i giornali sportivi osavano nominarlo, ma si riferivano a lui come “giocatore x”. Dagli archivi risulta che non poté partecipare all’inaugurazione dello stadio Filadelfia perché degli squadristi gli avevano rotto due costole.
Fu perseguitato dalla polizia fascista per tutto il tempo del regime, finché, il 12 marzo 1944 venne arrestato dalle SS.

Prigioniero politico

A Torino gli volevano talmente bene che persino il commissario cercò di salvarlo, dicendogli di andare pure a casa a farsi le valigie che in Germania avrebbe fatto freddo! Lui  andò a casa, fece le valigie e tornò al commissariato per affrontare il suo destino. Avrebbe potuto fuggire, magari unirsi alle lotte partigiane e invece venne deportato a Mauthausen.
Numero 59160, con un triangolo rosso sul braccio, da prigioniero politico. E lì incontrò per la stessa ragione Ferdinando Valletti, mediano del Milan e Carlo Castellani, attaccante dell’Empoli.
Quando la squadra di calcio delle SS rimaneva a corto di uomini, li chiamavano a giocare o almeno così ricordano i sopravvissuti. Anche il fratello Francesco venne deportato per le stesse idee comuniste.
Morirono a breve distanza, nel marzo del 1945, nulla rinnegando delle loro idee e delle loro convinzioni.

Una pientra di inciampo in onore di Vittorio

E se vi capitasse di passare da via San Donato, al numero 27, fate caso alla pietra d’inciampo, messa lì in onore di Vittorio.
Quest’anno ne sarà messa una anche in via Pianezza 3, a casa di Francesco.
Per non dimenticare, oggi più di ieri, quello che è stato e ciò che in ogni momento rischiamo di tornare ad essere.

Sostieni Torino Fan

Caro lettore, da settimane i giornalisti di Torino Fan lavorano senza sosta per fornire aggiornamenti puntuali ed attendibili sulla emergenza CoronaVirus. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

2.8k shares, 2 points

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli il formato
Immagine
Carica Foto o GIF
Storia
Testo formattato con possibilità di incorporamenti e immagini
Video
Inserisci video da Youtube, Vimeo or Vine Embeds
Meme
Carica la tua immagini e costruisci un meme
Sondaggio
Vota per dire la tua opinione
QUIZ
Aggiungi una serie di domande che verificano quanto ne sanno gli utenti di Torino Fan su determinati argomenti
Quiz personali
Aggiungi una serie di domande che rivelano lati nascosti della personalità
Lista
Il classico Internet Listicles
Elenco di classifiche
Chiedi voti per scegliere la lista migliore
Conto alla rovescia
Il classico internet countdown
Lista Aperta
Invia il tuo articolo e vota per la migliore presentazione
GIF
Carica una GIF animata
Audio
Inserisci Soundcloud or Mixcloud Embed