Seguici su

Storie

La campagna “Un mondo libero dalla droga” all’Inaugurazione della Cascina Fossata.

Una festa indimenticabile tra swing e rap.

Pubblicato

il

Il 25 Novembre è stata inaugurata la Cascina Fossata , molti sono stati gli invitati. Al mattino si è celebrata la vera e propria Inaugurazione alla presenza delle autorità torinesi tra cui il Sindaco.

Il pomeriggio invece c'è stata grande festa, aperta a tutti i torinesi e in particolare agli abitanti del Borgo Vittoria , di cui la struttura fa parte. Nel bellissimo giardino interno sono stati allestiti dei piccoli stand riguardanti alcune delle attività del borgo. Tra questi quello della Chiesa di Scientology, che fa parte anch'essa del Borgo Vittoria, con la campagna informativa sui danni delle droghe: un tavolino era allestito con le magliette verdi con la scritta "La verità sulla droga" e con una grande quantità di opuscoli, a disposizione di tutti. Sul fondo della corte, l' elgante cascina  era tutta contornata da grandi palloncini bianchi, che sembravano volerla sollevare verso il cielo. La Cascina, di epoca tardo barocca, si sviluppa su due piani, entrambi a galleria di archi a tutto sesto con al di sopra delle finestre ad oculo. Infine lo sposalizio tra l'antico e il moderno è stato  realizzato con la costruzione di una struttura decisamente originale e suggestiva: un effetto importante!

Verso le 18.00  l'affluenza di gente ha iniziato ad aumentare, il giardino si è animato per il via vai di chi era intervenuto per visitare la nuova struttura o di chi semplicemente si ritrovava con amici e vicini di casa, come in piazza la domenica mattina. Molti si fermavano agli stand per ritirare depliant riguardo le attività del Borgo e per prendere gli opuscoli della campagna "Un mondo libero dalla droga". Al calar del buio, fasci di luce colorata sembravano  fuoriuscire dai pilastri, a forma trapezia ,per inondare il giardino e la gente, come in una grande discoteca a cielo aperto,  mentre un Gruppo di Fiati,prima, ed una tastiera elettronica ,piazzata su di un balcone, poi ,creavano un'atmosfera elettrizzante. Vicino all'entrata era piazzato il furgoncino dello street food, tutto illuminato di lucine natalizie, con  la  gente in fila  per una merenda senoira, tipo mac donald. Ad un certo punto si è illuminata una finestra al secono piano ed è iniziata una divertente piéce teatrale, dedicata alla grande Nella Colombo, cantante swing degli anni cinquanta, icona di Borgo Vittoria. "Sola me ne vò per la città…." canta la moderna Nella  "passo tra la folla che non sa….." e questa folla di gente, abituata al rock,ha applaudito,  rapita dall'atmosfera di settant'anni fa. E,dopo gli anni cinquanta ecco irrompere la contemporaneità del rap! Due rapper , sulla scia di Shade, altra star  borgovittoriana, hanno intonato un pezzo da loro composto e che parla proprio della loro appartenenza a quel posto.

Una festa indimenticabile! 

Maria Grazia Scaglione                                                       Torino 27 Novembre 2019

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità