Seguici su

Curiosità

Curiosità sulla nostra città: il Rondò della Forca tra storia e leggenda

La curiosa storia del Rondò della Forca a Torino: perché si chiama così e a cosa serviva

Pubblicato

il

Rondò della Forca a Torino: la storia

Il Rondò della Forca di Torino è uno dei luoghi di Torino più visitato dal turismo esoterico. Il nome indica lo spiazzo circolare tra corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio e corso Valdocco.

Perché si chiama così

Durante il Regno di Sardegna su questo spiazzo era collocato il patibolo, installato quando serviva, per dare luogo alle esecuzioni pubbliche per impiccagione. Sorge in un’area dove vicino (ai giorni nostri Piazza Statuto) era sistemata la ghigliottina.

La “Furca”

La “furca” rimase in funzione fino al 1863. All’epoca questa costruzione si trovava in aperta campagna, poiché a quel tempo gli edifici che oggi la circondano non esistevano ancora: si trattava di uno slargo circondato da grandi  pini che rendevano l’ambiente buio e tetro, che era in grado di ospitare numerosi spettatori.

Perché quella zona

Era stata scelta quella zona anche perché era molto vicina alla prigione che si trovava in quella che oggi è via Corte D’appello. Oggi, all’angolo con corso Regina Margherita, si può ammirare una statua dedicata a don Giuseppe Cafasso, eretta nel punto esatto dove era collocato il patibolo.

[zombify_post]

2 Commenti

2 Comments

  1. erotik izle

    8 Dicembre 2020 at 9:51

    One of her favorite subjects of research is animal scavengers. Marnia Frederick Alexandrina

  2. erotik izle

    9 Dicembre 2020 at 14:47

    Really nice design and style and excellent content material , absolutely nothing else we want : D. Carlita Basilio Rozanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending