Seguici su

Il vino è per tutti

2. Il bicchiere. Consigli in 4 passi per migliorare la tua esperienza col vino

Il bicchiere ha la sua importanza, un calice rende sempre un tocco d’eleganza alla tavola ma è soprattutto funzionale per gustarsi al meglio il vino. Davvero utile!

Pubblicato

il

Nel primo passo per una buona degustazione del vino ti ho parlato della temperatura [Link] che, secondo me, è il punto più importante dei 4 proposti.

Il secondo consiglio probabilmente sarà il più discusso perché si tratta di una formalità ma che contribuisce non poco ad una esperienza migliore, anche quotidiana, per bere con gusto il tuo vino.

Non ci piove che, la cosa più importante in assoluto, anche se versato in un bicchiere di plastica, sia la bontà del vino , però è opportuno dare delle indicazioni generali su quali siano i motivi del perché sia meglio usare un bicchiere adatto.

Io uso il calice da vino da 240 cl. circa, un bicchiere che ha le caratteristiche adatte per guardare, annusare e tastare al meglio il vino. Lo faccio anche quotidianamente con qualsiasi vino di qualunque prezzo, così mi coccolo un pochino ed è anche un modo per dare dignità alla bevanda della quale sono innamorato.

Un calice a tavola fa sempre una bella figura, soprattutto quando si ha ospiti in casa oppure al ristorante, trattoria o pizzeria, la classica forma di tulipano rende sempre un tocco d’eleganza alla tavola.

L’eleganza però potrebbe svanire in un attimo se si riempisse troppo il bicchiere di vino, oltre che per un fatto estetico, il motivo per il quale non è consigliabile colmare tutto il bicchiere si riconduce al consiglio n. 1 del precedente articolo, cioè alla temperatura. Il vino è meglio che stia in bottiglia alla temperatura desiderata – pensate ad uno spumante o un bianco al fresco nel cestello -, invece, con troppo vino nel bicchiere gli ultimi sorsi diventerebbero “caldi”.

Quindi, meglio riempire il calice tra un ¼ e ⅓ della sua capienza massima, un suggerimento rivolto in particolare alla stragrande maggioranza dei ristoratori, i quali, anche in questo caso come per la temperatura, non hanno le basi minime per un accettabile servizo del vino, non capisco perché non si informino o non accettino queste elementari (per un ristorante) procedure, semplicemente dovrebbero avere la stessa cura e attenzione che rivolgono alla parte gastronomica.

Il calice riempito in modo appropriato dà respiro al vino, si ossigena e sprigiona i profumi ben percettibili grazie alla forma di tulipano del bicchiere, scorre lungo il vetro (o se preferite, cristallo) ed entra in bocca a piccoli sorsi per gustarselo al meglio, oltretutto il continuo gesto di versare il vino a piccole dosi contribuisce ad una buona digestione bevendo e mangiando lentamente.

Il mondo del vino è affascinante, anche il bicchiere per contenere questa stupenda bevanda ha la sua importanza ed esistono forme diverse per tipologia di vino.

Nell'immagine sottostante riporto una infografica generica (esistono molti modelli specifici) sui bicchieri adatti al vino proposto.

Non esitare a chiedere informazioni sul vino, sono a vostra disposizione attraverso commenti o altre forme di contatto.

Per saperne di più vi invito a visitare il blog www.vinoamoremio.it/blog oppure la pagina Facebook  / Twitter  / Instagram  @vinoamoremio

[zombify_post]

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending