Seguici su

Quartieri

Parchi cittadini a Torino: grave la mancanza di sicurezza

Denuncia per la mancanza di sicurezza nei parchi di Torino. La Procura potrebbe impartire prescrizioni

Pubblicato

il

Parco del Valentino
Parco del Valentino - immagine di repertorio su licenza creative commons

Nei nostri parchi la mancanza di sicurezza resta un problema grave. Casi di difficoltà a procedere per i mezzi di soccorso a causa dei dissuasori si sono verificati più volte: una situazione che, come dimostra la morte di Luca Zambelli, può avere conseguenze drammatiche. Da sempre come Moderati – spiega Silvio Magliano – chiediamo più attenzione all’accessibilità, alla videosorveglianza, alla disponibilità di defibrillatori e di postazioni SOS presso le aree verdi di Torino. L’attuale situazione è una sconfitta per la politica.

Che i mezzi di soccorso non siano stati in grado di raggiungere, nel principale parco della città, un cittadino colto da malore è un fatto gravissimo: ora, dopo aver chiesto l’archiviazione per il caso della morte dell’avvocato Luca Zambelli, la Procura di Torino potrebbe valutare prescrizioni, al Comune di Torino o ad altri Enti, per la sicurezza del Valentino, utilizzato dai runner per i loro allenamenti. La notizia diffusa ieri dai media cittadini rappresenta una sconfitta per la politica cittadina, sottolinea Magliano.

La tragedia dello scorso 10 gennaio con la morte del quarantanovenne, causa arresto cardiaco, non è stata l’unica occasione recente nella quale, nell’urgenza di sbloccare i varchi, nessuno abbia risposto alle chiamate dei soccorritori: a mia conoscenza, due altri casi si erano verificati soltanto nei mesi precedenti. Il tema della sicurezza dei nostri parchi va affrontato in tutta la sua urgenza. Serve una mappatura delle barriere, artificiali e non, che potrebbero ostacolare l’arrivo dei mezzi di soccorso.

Sul tema – continua Magliano – ho discusso, negli scorsi mesi in Sala Rossa, due interpellanze: ma non ho ricevuto dalla Giunta, risposte degne di questo nome. È emersa in compenso una gestione della sicurezza indegna di un Paese civile, fatta di ruoli non chiari e totale sciatteria. Mi sono sentito rispondere che azionare i dissuasori in caso di urgenza è compito, quando attiva, della portineria della Facoltà di Architettura e che, testuale, “non risultano richieste” alla Municipale per l’apertura del varco nella domenica della tragedia.

La stessa collocazione di defibrillatori, che possono salvare delle vite, nei parchi della nostra città, sembra il più delle volte un’impresa titanica: una montagna da scalare fatta di burocrazia. Il DAE del Valentino è stato inaugurato lo scorso gennaio grazie alla donazione di Specchio dei Tempi e dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione Lorenzo Greco con il contributo dei runner torinesi e con il decisivo supporto del Circolo Cerea, che ha messo a disposizione i propri spazi affacciati su viale Virgilio 61 (aggirando così i ripetuti veti a collocare il dispositivo e la relativa segnaletica su spazio pubblico) e la corrente elettrica. Diversamente – fa notare Magliano – sarebbe stato impossibile arrivare al risultato: cittadini e Terzo Settore arrivano ancora una volta dove le Istituzioni non sono state in grado di giungere.

Questioni estetiche, questioni di forma procedurale, questioni relative alle alberate non dovrebbero intralciare l’intento di salvare vite: diversamente, la formula “di burocrazia si muore” rischia di non essere solo una metafora.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità