Seguici su

Eventi

Natale a Torino: al Duomo la magia del presepe monumentale della Basilicata

Al Duomo di Torino, dal 6 dicembre sino al 2 febbraio 2022, si potrà ammirare il magico monumentale presepe della Basilicata con le opere del maestro Francesco Artese

Pubblicato

il

Presepe
Al Duomo di Torino il presepe monumentale della Basilicata - Image credit: Regione Basilicata

Il Duomo di Torino ospiterà fino al prossimo 2 febbraio il Presepe Monumentale della Basilicata, realizzato dal maestro presepista Francesco Artese con oltre 120 personaggi, su iniziativa dell’Agenzia di Promozione Territoriale (APT) della Basilicata.

Il taglio del nastro è avvenuto lunedì 6 dicembre, con la benedizione dell’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, alla presenza dei presidenti delle Regioni Piemonte e Basilicata, Alberto Cirio e Vito Bardi, e del sindaco di Torino Stefano Lo Russo.

«Il presepe della Basilicata – sottolinea Bardi – è intriso di una carica di umanità che l’accompagna in ogni sua esposizione nelle città italiane e all’estero, è simbolo di fede e arte, immuni al tempo, ma anche del saper fare, del made in Basilicata che si fa apprezzare in tutto il mondo».

«È un onore – aggiunge il presidente Cirio – ospitare in Piemonte una delle più belle opere d’arte dedicate alla Natività che contiene con la sua grande umanità un messaggio di pace e di speranza».

La Natività è rappresentata nel paesaggio dei Sassi di Matera. La Vergine richiama la scultura bronzea della Madonna del Pollino realizzata dall’artista olandese Daphné du Barry, mentre la figura di San Giuseppe riprende quella del presepe cinquecentesco di Altobello Persio, esposto a Tursi.

Il Presepe rende anche omaggio a Torino e al Piemonte, ospitando le figure di San Giuseppe Cottolengo, del beato Pier Giorgio Frassati, e di San Giovanni Bosco affiancato dal suo allievo San Domenico Savio, il ‘Santo bambino’ che morì a soli quattordici anni. C’è anche la scena di una famiglia di emigranti, con cui la Basilicata ha voluto omaggiare i tanti lucani che in passato attraversarono l’Italia per soddisfare la loro fame di lavoro e di futuro approdando in Piemonte.

1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Tutti i presepi da ammirare a Torino e in Piemonte del Natale 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità