Seguici su

Eventi

Fase 3: cosa potremo fare e chi riapre. Le nuove regole

Con la Fase 3 si potrà tornare a fare alcune delle cose che si facevano prima: non tutte, e con alcune limitazioni. Chi riapre e le nuove regole

Pubblicato

il

Fase 3: riaperture e regole

Libertà sì, ma con qualche limitazione. Questo il motto della Fase 3, quella che dovrebbe sancire la ripresa e la riapertura di tutte le attività che ancora attendevano il via. Mancano pochi giorni infatti alla riapertura dei locali per il tempo libero come le discoteche e la ripresa degli eventi. Ecco chi, come e cosa potremo fare.

Si balla

La bella, o più o meno così, notizia è che si torna a ballare. Ma lo si potrà fare soltanto all’aperto in appositi spazi: per esempio giardini e terrazze. Rimane comunque la regola del tenere almeno 1 metro di distanza gli uni dagli altri all’interno dei locali, che sale a 2 metri sulla pista da ballo. Dove possibile, si dovranno predisporre percorsi separati per l’entrata e l’uscita. Il personale di servizio dovrà necessariamente utilizzare la mascherina. E non è consentita la consumazione di bevande al banco, ma solo ai tavoli o comunque a distanza. Le regole sono state fissate dalle Regioni, che possono marginalmente decidere anche diversamente.

Si va al cinema e a teatro

Da lunedì prossimo, 15 giugno, si potrà anche riandare al cinema. Così come a teatro. Ma anche qui ci saranno le solite regole da rispettare come l’uso di mascherine, il distanziamento sociale e così via. Durante la stagione estiva saranno favoriti gli spettacoli all’aperto.

Convegni

Le regole per i convegni sono state stabilite da poco. La prima stabilisce che sia i partecipanti che il personale dello staff organizzativo indossino la mascherina per tutta la durata delle attività. Dovrà essere rispettato il distanziamento sociale, con l’inevitabile calo della disponibilità di posti. I materiali informativi che di solito accompagnano questo genere di eventi dovranno preferibilmente essere forniti in forma digitale.

La prima regola

In tutte le forme di ripresa delle attività e della riapertura di tutto quello che ancora era chiuso c’è sempre e solo una regola che spicca su tutte: il distanziamento sociale. Seguita dall’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI). Due regole che molte persone sembrano aver dimenticato, specie da quanto emerge nei resoconti circa la movida nelle città – come anche a Torino. Situazione, che se anche qualcuno nega possa essere pericolosa, potrebbe portare a un ritorno dei contagi. Molti sono i sindaci preoccupati dal fenomeno, che mostra comportamenti poco responsabili da parte di numerosi cittadini. Dalla Fase 3, alcuni avvertono, si potrebbe tornare alla Fase 1. Speriamo di no.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending