Seguici su

Economia - Regione

Torino non miagola più: chiude il Miagola Caffè, il primo bar per gatti d’Italia

La crisi colpisce duro anche i gatti: il primo bar per mici aperto in Italia chiude, così come è accaduto per tante altre attività. Addio a Miagola Caffè di Torino. E i gatti, che fine faranno?

Pubblicato

il

Chiude il Miagola Caffè a Torino

TORINO – Si è cercato di resistere fino all’ultimo, ma la crisi provocata dall’emergenza sanitaria ha colpito duro, e anche il mitico Miagola Caffè, il primo bar per gatti d’Italia, soccombe e chiude. La triste notizia per mici e simpatizzanti l’hanno data i gestori stessi. E i gatti mascotte, che fine faranno?

Miagola Caffè addio

Il Miagola Caffè di via Amendola 6D a Torino getta dunque la spugna. Nato nel 2014, chiude i battenti all’inizio del 2021, sette anni dopo. L’idea, nata sulla scia di un must di origine giapponese, aveva avuto successo in città ed erano in molti a frequentare questo bar-ristorante che era divenuto la “casa” di diversi mici ospitati nel locale dai gestori, i cui nomi erano stati scelti dai clienti per mezzo di un sondaggio.

I mici salutano i clienti

Così, i sei mitici gatti Tango, Nerino, Titti, Silvestro, Valentino e Sissi salutano i clienti – ma non è un addio, secondo le intenzioni dei gestori, ma un arrivederci, sperano. «Il Miagola Caffè è costretto a chiudere come tante altre attività – fano sapere in una comunicazione diffusa dal –locale – I nostri amati gatti saranno adottati da famiglie che si prenderanno cura di loro».

Mantenere i contatti

«Il nostro impegno – prosegue la nota – è mantenere i contatti con tutti i clienti che li hanno amati fino a oggi: per questo potrete continuare a seguirli sui social dove vi terremo aggiornati sulla loro nuova vita e sulla prossima riapertura».

Un saluto finale

Infine, sono gli stessi mici nel comunicato a ringraziare «chi ci ha coccolato, nutrito, chi ci ha dato una casa con morbidi cuscini e cassetti sempre aperti». I gestori precisano poi che «tutti i gatti del Miagola Caffè erano stati adottati dal locale dopo esperienze difficili e il bar era diventato punto di riferimento per le associazioni che si occupano di adozioni».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità