Seguici su

Economia

La storica edicola di via Pietro Micca a Torino è salva: arriva Quotidiana

Si salva dalla chiusura la storica edicola di via Pietro Micca a Torino: arriva Quotidiana, non solo il giornale: si potrà fare la spesa

Pubblicato

il

La storica edicola di via Pietro Micca a Torino

TORINO – Buone notizie, la storica edicola di via Pietro Micca è salva. Arriva infatti a Torino “Quotidiana”, la rete che offre una nuova vita commerciale e sociale alle edicole storiche perché tornino a essere un punto di riferimento per i cittadini.

Edicola a Torino dal 1800

L’edicola, aperta da fine ‘800, era stata messa in vendita senza alcun risultato dagli anziani proprietari, che non avevano le risorse per portare avanti l’attività a causa della crisi del settore, e offerta poi a 1 euro al Comune piuttosto che smantellarla a proprie spese.

Nuova vita alle edicole storiche

Il rilancio delle edicole promosso dal Gruppo MilanoCard, azionista di Quotidiana, mutua l’esperienza “Lulu dans ma rue” nata a Parigi. MilanoCard ha avviato l’acquisizione di edicole a Milano, Torino, Roma e altre città italiane con un format innovativo che consente di avere non solo il giornale sotto casa, ma anche di effettuare la spesa, con oltre 320 beni alimentari a prezzi competitivi e servizi alla persona, come baby-sitter, badante, elettricista o giardiniere. La gestione dei servizi è realizzata con realtà del terzo settore e dà a persone in stato di fragilità la possibilità di trovare una nuova occupazione.

Torino attenta all’innovazione

«La città di Torino ha colto le potenzialità di Quotidiana, le quali si inseriscono in un percorso già avviato dall’Amministrazione e confermato dal voto unanime del Consiglio Comunale di una delibera volta a rilanciare le edicole nella piena attuazione delle norme nazionali di liberalizzazione del settore risalenti al 2012 e su spinta europea – spiega l’Ad di MilanoCard Edoardo Scarpellini – Torino si dimostra attenta all’innovazione imprenditoriale e sociale. Un ringraziamento speciale alla famiglia Rota che si è impegnata per salvaguardare un pezzo del patrimonio culturale e sociale della città».

Immagine di copertina: Silvio Magliano insieme ai proprietari dell’edicola

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità