Seguici su

Economia - Regione

Il sostegno alle famiglie piemontesi da parte della Regione: confermate le detrazioni per il 2022

La Regione Piemonte conferma le detrazioni come misure di sostegno economico-sociale per le famiglie piemontesi. Tutte le info

Pubblicato

il

Euro
Sostegno alle famiglie e sgravio Irpef 2022

La Regione Piemonte informa che la nuova legge, approvata dal Consiglio regionale sull’adeguamento dell’addizionale Irpef al bilancio di previsione dello Stato, conferma le detrazioni come misure di sostegno economico-sociale:

  • euro 100 per i contribuenti con più di tre figli a carico, per ciascun figlio, a partire dal primo, compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi o affidati;
  • euro 250 per i contribuenti con figli a carico portatori di handicap ai sensi della legge 104/92, per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi o affidati.

Un importante sforzo

Questi sgravi, precisa l’assessore regionale Andrea Tronzano, «rappresentano un aggravio per il già difficile bilancio della Regione di 11.240.000 euro, ma pensiamo che sia un investimento giusto e importante in quanto va ad aiutare le famiglie, in particolare quelle più esposte alle difficoltà del momento. Avremmo anche potuto non inserirle, come la legge nazionale permetteva».

Il provvedimento stabilisce che dal 1° gennaio 2022, l’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) è determinata per scaglioni di reddito applicando le seguenti maggiorazioni all’aliquota di base:

  • per i redditi sino a 15.000,00 euro 0,39%
  • per i redditi oltre 15.000 e sino a 28.000 euro 0,90%
  • per i redditi oltre 28.000 euro e sino a 50.000 euro 1,52%
  • per i redditi oltre 50.000,00 euro 2,10 per cento.

Le aliquote sono differenziate in relazione agli scaglioni di reddito corrispondenti a quelli stabiliti a livello nazionale e assicurano la razionalità del sistema tributario nel suo complesso e la salvaguardia dei criteri di progressività.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità