Seguici su

Curiosità

Al ristorante Opera di Torino arriva il primo menù etico

Vengono serviti solo cibi «cruelty free» e non dannosi per l’organismo

Pubblicato

il

Menù etico ristorante opera torino stefano sforza

TORINO – Stefano Sforza, chef del ristorante Opera di Torino, aperto meno di un anno fa dall’imprenditore Antonio Cometto, aderisce alla campagna Wwf (hashtag #iocambiomenu) e rimuove i piatti con l’anguilla e la rana pescatrice. Bandito il foie gras per «l’innegabile crudeltà con la quale sono trattate le oche» e «in via di completa sostituzione lo zucchero semolato per i trattamenti invasivi che subisce».

#iocambiomenu

«Come chef – spiega Sforza – non sono preoccupato per l’assenza di certi prodotti nel menu. La loro eliminazione ha dato il via a una stimolante ricerca per sostituirli. La linea quando si decide di non utilizzare più una materia prima, è quella della sostituzione, non del cambio radicale di un piatto.  Un’ottima variante alla rana pescatrice è quella del lucioperca, un pesce d’acqua dolce delicato e versatile».

Menù etico di Stefanoa Sforza al Ristorante Opera di Torino

Menù etico di Stefano Sforza al ristorante Opera di Torino

«Il menu etico è solo un punto di partenza, ci auguriamo che tanti ristoratori, chef, e soprattutto i clienti, abbracceranno la causa e opteranno per un consumo più attento», conclude Cometto.

Foto (C) Ristorante Opera Torino

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

Trending