Seguici su

Curiosità

4 cose su Via Garibaldi che forse non sai

Pubblicato

il

Chi di noi non conosce Via Garibaldi? Uno dei luoghi più belli in cui passeggiare mano nella mano con la persona che ami. Tra gli aspetti migliori, infatti, c’è il fatto di essere chiusa al traffico. Probabilmente proprio per questo motivo è una delle poche vie in cui non c’è un alto tasso di inquinamento.

Via Garibaldi, una via antichissima

Lo sapete che Via Garibaldi è una delle vie più antiche? Si può dire che ha la stessa età della nostra città. Un tempo, infatti, era il decumano (decumanus maximus), ovvero una strada che correva in direzione est-ovest delle città romane. Faceva parte della Julia Augusta Taurinorum e, insieme al cardo maximus – oggi Porta Palatina – era considerato uno dei principali assi della Roma antica.

Da Via Dora Grossa a Via Garibaldi

Un tempo conosciuta con il nome di Via Dora Grossa, la strada venne ampliata e collegata a Piazza Statuto, ma si dovette attendere il 1800. È importante sottolineare, però, che fin dal 1730 son stati aggiunti dei marciapiedi, probabilmente i più antichi di tutta Europa. Ci fu poi un momento, per la precisione durante l’occupazione francese, in cui la via venne chiamata rue du Mont-Cenise. Ma nel 1814 riprese il nome originario.

Il 5 giugno 1882 nasce via Garibaldi

Dopo aver cambiato nome e aspetto più volte, il 5 giugno del 1882, Via Garibaldi sostituisce per sempre Via Dora Grossa. La decisione fu presa dal consiglio comunale di Torino con l’intenzione di dedicare la strada a Giuseppe Garibaldi, morto solo tre giorni prima.

Poi, la chiusura al traffico

Infine, una delle modifiche più interessanti, è quella avvenuta nel 1979. Poco prima la strada era aperta al traffico pubblico, riservata quindi a taxi, tram e autobus. Ma a seguito di interminabili polemiche, i cittadini sono riusciti a ottenere un grande traguardo: Via Garibaldi è divenuta una strada pedonale. E ancor oggi possiamo beneficiare di questa decisione godendoci delle splendide passeggiate mentre guardiamo vetrine e, perché no, ci gustiamo un bel gelato.

4 Commenti

4 Comments

  1. Giuseppe Lercara

    24 Febbraio 2019 at 18:45

    BUONA SERA . SCUSATE IL MIO ITALIANO.. PER LA Città di Torino vorrei lasciare un Sogno Bellissimo come ringraziamento per tutto quello che Torino mi ha permesso di realizzare nella vita vissuta in questa Città, IL Sogno consiste nel creare almeno 1000 posti di Lavoro e un grande sviluppo per l STESSA Città devo avere la possibilità di parlare con un gruppo che possa presentare il mio progetto. grazie il mio cell. 339.8381030 un cordiale saluto G.Lercara

  2. Lorenza

    9 Agosto 2019 at 12:33

    Avete dimenticato di scrivere che via Garibaldi prima si chiamava via D’ora Grossa perché in mezzo alla strada scorreva la Dora, poi interrata.

    • Lorena

      26 Dicembre 2019 at 19:38

      Lo hanno scritto

  3. Saverio

    17 Maggio 2020 at 12:49

    A che altezza via Garibaldi attraversava la Dora? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità