Seguici su

Cronaca Live

Torino, presa pugni mentre passeggiava per strada: l’aggressore era stato espulso dall’Italia diverse volte

Stava passeggiando per strada a Torino quanto è stata presa a pugni da uno sconosciuto, senza motivo. L’uomo, espulso dall’Italia più d’una volta, ha poi preso a pugni anche un poliziotto

Pubblicato

il

polizia torino
Immagine rappresentativa

TORINO – Sono circa le 19 quando una chiamata al 112 NUE segnala l’aggressione di una cittadina da parte di un soggetto nordafricano, che sarebbe poi scappato in direzione Parco del Valentino.

Aggredita per strada

La pattuglia della Squadra Volante giunta sul posto raccoglie la testimonianza della vittima. La donna stava passeggiando con un’amica in via Morgari quando aveva incrociato l’uomo, algerino trentatreenne, che, senza alcun motivo, le aveva sferrato una serie di pugni al volto, stordendola. Le urla dell’amica spaventata, l’abbaiare dei cani di quest’ultima e l’accorrere di alcuni cittadini che avevano assistito alla scena, avevano poi messo in fuga il reo.

Pugni all’agente

Grazie alle descrizioni fornite dai presenti, i poliziotti si mettono alla ricerca dello straniero. La vittima, nel frattempo, decide di farsi accompagnare dall’amica al pronto soccorso. Una volta uscita della struttura, rientrando verso casa, sarà proprio quest’ultima ad incontrare nuovamente l’aggressore per strada. Immediata la chiamata al 112 NUE, comunicando in tempo reale la posizione dell’uomo, il ponte di corso Sommelier, dove verrà fermato. Inizialmente collaborativo, l’algerino mostrerà ben presto i segni dell’insofferenza, sferrando una serie di pugni all’indirizzo del volto di un agente.

Arrestato

In fase di accertamenti emerge come lo straniero abbia numerosi precedenti di Polizia, diverse espulsioni dal territorio Nazionale ed oltre 20 alias forniti agli operatori nel corso dei vari controlli. Scattate le manette per violenza a P.U; è stato, inoltre, denunciato per lesioni personali e per le false attestazioni fornite durante l’identificazione.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità