Seguici su

Cronaca Live

TAV, duro colpo ai militanti di Askatasuna: 13 misure cautelari

La Polizia di Stato questa mattina ha eseguito 13 misure cautelari nei confronti di militanti di Askatasuna per le violenze contro la Tav in Val di Susa

Pubblicato

il

Manifestazione Torino
Duro colpo ai militanti di Askatasuna No Tav - Immagine rappresentativa

A seguito di un’articolata indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino, la Polizia di Stato della Questura di Torino, nella mattinata odierna ha eseguito 13 misure cautelari (di cui n.2 in carcere e n.2 arresti domiciliari, n.9 misure cautelari tra obblighi di firma e divieti di dimora a Chiomonte e Giaglione), nei confronti di leader e militanti di Askatasuna, a carico dei quali sono stati ritenuti sussistenti gravi indizi in ordine ai reati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e violenza privata aggravata, commessi sia nel contesto cittadino che nell’ambito della mobilitazione contro la TAV in Val di Susa.

In merito ai ripetuti attacchi ai danni dei cantieri TAV di Chiomonte e San Didero, il materiale video-fotografico e i sequestri effettuati sui luoghi hanno consentito di raccogliere elementi per dimostrare l’utilizzo di artifici pirotecnici, materiale infiammabile, pietre e bulloni, fionde, frombole, tubi da lancio per razzi e altri strumenti da lancio artigianali.

Tutti gli indagati sono da considerarsi non colpevoli fino a sentenza di condanna divenuta irrevocabile.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità