Seguici su

Cronaca Live

Prodotti contraffatti, la Guardia di Finanza di Torino sequestra 25 tonnellate di pellet

Operazione della Guardia di Finanza di Torino. Sequestrate oltre 25 tonnellate di pellet falsificato e denunciate all’Autorità giudiziaria quattro persone per il reato di contraffazione

Pubblicato

il

Pellet
Sequestrate oltre 25 tonnellate di pellet contraffatto

TORINO – Operazione della Guardia di Finanza di Torino. Oltre 25 tonnellate di pellet contraffatto sequestrate nei giorni scorsi. È il bilancio di un’indagine intrapresa a seguito di un’attività di polizia economico-finanziaria, orientata al contrasto degli illeciti perpetrati nella vendita di prodotti contraffatti in danno dei consumatori, condotta dai Finanzieri della Compagnia di Chivasso e coordinata dalle Procure della Repubblica di Ivrea e Biella.

Quattro denunciati

In particolare, le Fiamme Gialle hanno individuato quattro soggetti, di cui due imprenditori, operanti nella provincia di Torino e Biella, i quali, ingannevolmente, attraverso la piattaforma “Marketplace” di un noto social network, pubblicizzavano e commercializzavano il pellet lasciando intendere che fosse prodotto da una nota azienda internazionale, leader nello specifico settore merceologico, su cui risultava apposto il relativo marchio.

Consumatori tratti in inganno

Gli accertamenti dei finanzieri hanno consentito di appurare, altresì, come il prodotto cautelato recasse un contrassegno di qualità falsificato: in sostanza, i militari, a seguito di perquisizioni delegate dall’Autorità giudiziaria, hanno acquisito copiosa documentazione dal cui esame è stato possibile verificare che, in realtà, il pellet proveniva dalla Polonia già confezionato e recava la falsa indicazione della “qualità austriaca”. In tal modo, è apparso subito chiaro che l’intento fosse quello di indurre gli ignari consumatori a credere che, trattandosi di un prodotto tra i più noti e pregiati, poiché caratterizzato da un alto potere calorifero, fosse corretto acquistarlo al prezzo di mercato richiesto.

Il servizio svolto conferma il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrasto a ogni forma di contraffazione, anche in un settore produttivo, come quello dei combustibili da riscaldamento, in costante crescita e, pertanto, meritevole della massima attenzione, al fine di evitare possibili illeciti che compromettano il regolare andamento del mercato.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità