Seguici su

Cronaca Live

Piemonte, giornata di controlli mirati sui treni e in stazione

Oltre 1200 persone controllate durante la sola giornata di ieri: il bilancio di ‘Stazioni Sicure’, l’iniziativa promossa in Piemonte e Val d’Aosta

Pubblicato

il

stazioni sicure

TORINO – 1.216 persone controllate, 1 persona indagata, 6 sanzioni amministrative elevate, 70 bagagli ispezionati e 28 le stazioni presenziate: questo il bilancio dell’operazione “Stazioni Sicure”, promossa dal Servizio di Polizia Ferroviaria a livello nazionale, che ieri ha visto impegnati 95 operatori della Polizia Ferroviaria nelle stazioni ferroviarie del Piemonte e Valle d’Aosta.

Controlli mirati

Gli operatori Polfer hanno effettuato controlli mirati per contrastare attività illecite nelle aree ferroviarie di competenza, con verifiche a viaggiatori e bagagli, sia in stazione che a bordo treno, con l’uso di metal detector e di apparati “Spaid”, per un accurato e più rapido controllo in banca dati dei viaggiatori. I servizi sono stati effettuati congiuntamente con personale del Reparto Prevenzione Crimine e delle Unità Cinofile. 28 le stazioni interessate dai controlli straordinari nelle province di entrambe le regioni, con particolare attenzione anche ai convogli internazionali provenienti da Svizzera e Francia.

Truffa dello specchietto

Ad Alessandria gli agenti della Sezione Polfer hanno denunciato un sessantottenne casertano per lesioni private. L’indagine, partita dalla querela di un alessandrino, ha permesso agli operatori di individuare l’uomo che, alla guida di un’autovettura a noleggio, ha tentato di inscenare un falso danneggiamento tra l’auto da lui condotta e quella della vittima. Gli accertamenti svolti hanno permesso agli operatori di collegare la vicenda al fenomeno della cosiddetta ‘truffa dello specchietto’ finalizzata alla richiesta di risarcimento immediata, con la quale ignari automobilisti diventano vittime, loro malgrado, di persone senza scrupoli pronte ad approfittarsi della buona fede altrui.

Immagine di copertina su Licenza Creative Commons – Crediti: Peter Broster

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità