Seguici su

Cronaca Live

Picchiata furiosamente all’uscita dal ristorante: arrestata coppia di rapinatori

I Carabinieri arrestano una coppia che ha aggredito e picchiato una donna per rapinarla all’uscita dal ristorante

Pubblicato

il

Carabinieri
Picchiata per rapina a Carmagnola - Immagine di repertorio

TORINO – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti dal Comando Provinciale per contrastare i reati contro il patrimonio, i carabinieri hanno arrestato due rapinatori. I fatti sono accaduti a Carmagnola (Torino), dove i carabinieri hanno sottoposto a fermo un uomo di 28 anni e la convivente di 23 anni per tentata rapina. Nei loro confronti sono stati raccolti gravi e convergenti elementi di responsabilità in ordine a una tentata rapina avvenuta il 4 giugno scorso intorno alle 23:00, a Carmagnola in Largo Vittorio Veneto ai danni di una donna di 46 anni.

L’aggressione all’uscita dal ristorante

La vittima era stata aggredita all’uscita dal ristorante. In particolare, la coppia ha aspettato la donna in strada per derubarla. La vittima è stata picchiata violentemente ma non ha permesso ai due rapinatori di portarle via la borsa.

I rapinatori fuggono

Fallito il tentativo di rapina, i due rapinatori sono fuggiti in macchina e la donna ha chiamato il 112 e ai carabinieri ha fornito tutti gli elementi necessari per poter rintracciare la coppia di fuggitivi. Subito dopo la donna aggredita è stata accompagnata da un’ambulanza all’ospedale di Carmagnola per diverse ecchimosi al volto e alle braccia.

Identificati e arrestati

Grazie a un’efficace attività di raccordo informativo e di coordinamento operativo tra la pattuglia intervenuta sul posto e la centrale operativa della Compagnia di Moncalieri, i due fuggitivi sono stati identificati in tempo reale. La loro auto era stata fermata qualche ora prima nel corso di un posto di controllo a Trofarello. La macchina dei due fuggitivi è stata individuata e bloccata in una zona boschiva di Carmagnola dove si erano nascosti per sfuggire alla cattura.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità