Seguici su

Cronaca Live

Non lo fanno entrare nel locale e allora dà in escandescenze

Un uomo si avventa contro un locale lanciando bottiglie e inveendo contro gestori e clienti perché non lo facevano entrare. Arrestato dalla polizia

Pubblicato

il

polizia torino
Fuori di sé davanti a un locale, arrestato dalla polizia - Immagine rappresentativa

TORINO – È da poco passata l’una di notte quando la Volante del commissariato di zona nota all’esterno di un locale un soggetto esagitato che inveisce contro gli avventori all’interno.

Alla vista dell’autovettura di servizio, l’uomo, un italiano di 29 anni, inizia a pronunciare una serie di frasi sconnesse all’indirizzo degli operatori. Questi tentano di tranquillizzarlo, invano. È fuori di sé, ribadisce la volontà di far accesso al locale. Pochi istanti dopo e il ventinovenne dà nuovamente in escandescenze, cercando di colpire i poliziotti con una serie di pugni, per poi aggrapparsi a un’inferriata dell’edificio nel tentativo di scavalcarla, senza successo. L’italiano, in evidente stato di alterazione psicofisica, è stato fermato e condotto presso gli uffici del commissariato.

Nel frattempo, lo staff dell’Associazione riferisce agli agenti quanto accaduto poco prima. Il ventinovenne era entrato nel locale privo del necessario tesseramento. Invitato ad allontanarsi, questi aveva assunto un atteggiamento aggressivo anche nei confronti degli avventori presenti al momento. Una volta all’esterno aveva poi lanciato alcune bottiglie contro l’edificio, danneggiando due pannelli in plexiglass. Il soggetto è stato denunciato per resistenza a P.U, danneggiamento, getto pericoloso di cose e sanzionato per ubriachezza molesta.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità