Seguici su

Cronaca Live

Morto dopo le ustioni riportate nell’incendio scoppiato nel suo appartamento in via Caboto

L’uomo aveva 55 anni, ed era un ex tassista. Aveva lasciato il lavoro per un problema polmonare, tanto che aveva l’ossigeno. Secondo le prime ricostruzioni pare che stesse fumando quando è scoppiato l’incendio

Pubblicato

il

TORINO – È morta all’ospedale Cto, dove era ricoverata da ieri, una delle due persone rimaste ustionate nell’incendio di un appartamento di via Caboto, nell’elegante quartiere torinese della Crocetta. Si tratta di un uomo di 55 anni, ex tassista conosciuto nella zona. Stabili invece le condizioni della madre ottantenne, anche lei ricoverata nel reparto Grandi ustionati del Cto con bruciature sul 20% del corpo.

Nell’incendio la vittima, che aveva precedenti per problemi polmonari, aveva riportato ustioni sul 65% del corpo e nella notte le sue condizioni sono peggiorate. I vigili del fuoco sono al lavoro per stabilire le cause dell’incendio. Tra le ipotesi, secondo quanto si apprende, si fa largo quella di una sigaretta lasciata accesa.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *