Seguici su

Cronaca Live

Furti e scippi al Reload Music Festival: ladri «specializzati» in grandi eventi

Furti e scippi in occasione dei grandi eventi. Arrestate due persone

Pubblicato

il

Due italiani di origine marocchina di 19 e 20 anni, F.M.A. e E.G.S., sono stati arrestati per furto aggravato dalla Polizia di Stato durante il RELOAD MUSIC FESTIVAL nei padiglioni del Lingotto Fiere. Gli agenti del Commissariato “Barriera Nizza” stavano effettuando mirati servizi di controllo volti al contrasto dei fenomeni predatori, in occasione di grandi eventi come disposto dal Questore, Francesco Messina.

Soggetti sospetti

Gli agenti hanno concentrato la loro attenzione su due soggetti che si trovavano nei pressi del palco e si muovevano tra la folla. A un certo punto uno dei due si è avvicinato ad un gruppetto di tre ragazzi, intenti a ballare, e con un gesto inconsueto del braccio ha sottratto la collanina che aveva al collo uno dei tre senza che nessuno se ne accorgesse, per poi allontanarsi. I due sono stati seguiti dagli agenti che li fermavano senza creare allarmismo tra i presenti.

Occultazione degli oggetti rubati

In quel frangente il 20enne ha tentato di occultare gli oggetti trafugati sotto le scarpe facendoli scivolare per terra, ma il gesto repentino è stato notato da una delle vittime e dagli operatori che hanno provveduto a recuperarli. Si trattava di diversi pezzi di collanine presumibilmente in oro giallo. Inoltre, tra le tasche del 19enne è stato trovato anche un telefono cellulare rubato ad un ragazzo poco prima. Una collanina ed il telefono cellulare sono stati riconsegnati contestualmente ai legittimi proprietari. Complessivamente sono stati 3 i giovani che, nel corso della serata, hanno riferito alla Polizia di essere stati derubati.

L’arresto

I due arrestati, entrambi con precedenti di polizia e già inseriti nelle indagini connesse ai fatti di piazza San Carlo, sono stati anche denunciati per il reato di ricettazione. Il 20enne aveva a suo carico anche un Obbligo quotidiano di presentazione alla Polizia Giudiziaria per reati simili.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità