Seguici su

Cronaca Live

Famiglia vessata per anni da uomo violento, disperata trova il coraggio di denunciarlo

Continuava a subire violenze per non allontanare il padre dal figlio, ma le minacce anche alla sorella le fanno trovare il coraggio di denunciare anni e anni di maltrattamenti in famiglia

Pubblicato

il

Tentato omicidio
Violenza domestica ripetuta per anni a Torino

TORINO – La telefonata di minacce fatta alla sorella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. L’uomo, al termine dell’ennesimo litigio per futili motivi con la compagna, al suo allontanarsi da casa per trovare un rifugio sicuro, ha pensato di chiamare la sorella di lei per avvisarla che questa volta era troppo: avrebbe comprato un coltello e avrebbe ucciso la donna.

Un coltello di 30 centimetri

Immediatamente, si è attivata una rete di protezione nei confronti della vittima che, avuta la notizia, si è rivolta al 112 NUE per l’invio di una pattuglia a casa. Il figlio, intanto, era entrato nell’appartamento con la scusa di prendere un libro, trovando il padre addormentato sul divano e in soggiorno, in bella vista sul tavolo, un coltello da caccia di ben 30 cm. Gli agenti del Commissariato Mirafiori intervenuti tempestivamente hanno raccolto la denuncia della donna, testimonianza di anni di violenze fisiche e psicologiche in nome della superiorità maschile, alla quale lei doveva semplicemente “obbedienza”. Negli ultimi tempi, anche in considerazione del lockdown per la pandemia, la situazione in casa si era fatta sempre più tesa. I poliziotti hanno proceduto all’arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità