Seguici su

Cronaca Live

Ecco l’ennesimo bus in fiamme. Cosa sta accadendo ai veicoli GTT?

Ennesimo autobus GTT in fiamme. Cosa sta succedendo?

Pubblicato

il

Continuano gli incendi ai veicoli GTT. L’ennesimo è avvenuto proprio nella notte di ieri, mercoledì 27 febbraio. Questa volta, ad andare in fiamme, è stato un autobus della linea 58. Il mezzo era appena partito e, per fortuna, non aveva persone a bordo – escluso l’autista. Ecco i dettagli dell’accaduto.

Autobus in fiamma in via Caboto

L’episodio è accaduto in via Caboto e l’incendio sembra essere scaturito dal motore di un veicolo appena entrato in servizio – alle 4 del mattino. La prontezza dell’autista è stata fondamentale perché, dopo aver preso un estintore in dotazione, è riuscito a spegnere completamente l’incendio.

Le cause

Al momento, anche per questo mezzo, non si conoscono le cause che possano aver scatenato un incendio improvviso. Ricordiamo che questo è solo una di una lunga serie dove la Procura intende indagare. Gli episodi, infatti, si stanno ripetendo e sembrano essere sempre più ravvicinati.

Autista intossicato

Poco più di un mese fa, ha preso fuoco anche un autobus della linea 71 mentre si trovava in via Cibrario. Nel tentativo di spegnere le fiamme, tuttavia, l’autista è rimasto intossicato. I passeggeri, invece, sono riusciti a scendere immediatamente dal veicolo senza subire alcun danno fisico. Tuttavia, sono state molte le persone a essere rimaste impaurite dall’accaduto.

Incendi a più riprese

Per citare alcuni episodi simili, possiamo ricordare quello del 6 gennaio in corso Francia, in un pullman della linea 36. I primi dicembre a Settimo Torinese, il 17 dicembre in via Artom, il 16 novembre in zona crocetta e il 18 in via Passo Buole. Ora la domanda che ci poniamo è questa: è un caso che tutti questi autobus vadano in fiamme è si tratta di eventi premeditati? E, se così fosse, chi potrebbe voler incendiare gli autobus a Torino? Solo l’indagine della magistratura potrà rispondere alle nostre domande. E voi? Cosa ne pensate?

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità