Seguici su

Covid 19

La terza dose si può avere anche in farmacia, e altresì per il personale sanitario

Anche se le prime due dosi si sono ricevute in punti vaccinali diversi, è possibile fare la terza in farmacia. La stessa cosa per il personale sanitario

Pubblicato

il

Vaccinazione Covid in Piemonte
Terza dose anche in farmacia

La Regione Piemonte fa sapere che le persone tra 40 e 79 anni possono farsi iniettare la terza dose del vaccino contro il Covid nelle oltre 500 farmacie del Piemonte, anche se le altre due sono state ricevute in punti vaccinali diversi.

Per questo, occorre effettuare la prenotazione nella farmacia prescelta oppure su www.ilPiemontetivaccina.it muniti di codice fiscale e numero della tessera sanitaria.

«In questa fase – dichiarano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi – è fondamentale accelerare con la terza dose, indispensabile per mettere in sicurezza soprattutto le fasce di popolazione più a rischio. Le farmacie, con la loro capillare distribuzione sul territorio ed il consolidato rapporto quotidiano, sono un elemento di grande utilità per proseguire nella battaglia contro il Covid e le ringraziamo per l’impegno che continuano a mettere in campo dall’inizio della pandemia, al fianco di tutto il sistema sanitario».

Concetti condivisi e ribaditi da Massimo Mana, presidente Federfarma Piemonte e Mario Corrado, coordinatore regionale Assofarm: «Anche questa volta le farmacie si sono messe a disposizione della cittadinanza e della Regione facendo la propria parte nella gestione della pandemia, come sin dall’inizio».

Vaccinazione del personale sanitario

La possibilità di prenotare la terza dose in farmacia (senza l’opzione del portale) viene offerta anche al personale che lavora in presenza nelle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private, come medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, infermieri, veterinari, biologi, odontoiatri, chimici, fisici, farmacisti, personale tecnico sanitario, psicologi, studenti universitari, persone con funzioni riabilitative.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità