Seguici su

Covid 19

No Vax, famiglia sterminata nel Torinese. Sopravvive solo la mamma, che commenta: «Ognuno fa le sue scelte»

Intera famiglia di No Vax distrutta dal Covid. Accade nel Torinese, a San Francesco al Campo, dove la decisione di non vaccinarsi si è rivelata fatale, a partire dai nonni, al marito sino al figlio.

Pubblicato

il

No vax
Famiglia no vax annientata dal Covid

Intera famiglia di No Vax sterminata dal Covid. Accade nel Torinese, a San Francesco al Campo, dove la decisione di non vaccinarsi si è rivelata fatale, a partire dai nonni, al marito sino al figlio.

Unica sopravvissuta alla malattia è la madre, che al Corriere della Sera commenta: «Ognuno fa le sue scelte. Non voglio parlare delle cause della morte di mio figlio per rispetto delle sue decisioni. Non ho niente da dire. Tanto vi inventate sempre tutto». Le parole della signora Rinuccia arrivano dopo aver appreso della morte del figlio Marco di 42 anni. Ad aver annientato la famiglia è stata la polmonite interstiziale, che non ha dato scampo.

L’ultimo decesso, il marito

Dopo aver lottato sino all’ultimo contro il Covid è stato il marito, Giuseppe Ferrero di 69 anni, agricoltore. L’uomo dopo essersi infettato era stato ricoverato due settimane fa nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Ciriè, dove è deceduto venerdì scorso, 14 gennaio, per le complicanze causate dal micidiale virus. A perdere la vita, prima di lui, tra dicembre e gennaio erano morti i nonni: Olga Goffi di 94 anni e Maurizio Ghella, di 92 anni, anch’esso agricoltore. Infine, è stata la volta del figlio, Marco Ferrero, morti il giorno dell’Epifania.

Un paese diviso

A San Francesco al Campo, dopo la tragedia, gli animi si dividono: c’è chi evita di dare il proprio giudizio e chi, invece, condanna la decisione di non vaccinarsi. «Una famiglia molto conosciuta e stimata – racconta al Corriere il sindaco Diego Coriasco – Nessuno deve giudicare le scelte fatte. Ognuno se ne prende le responsabilità. Per noi è solo venuta a mancare una famiglia che faceva parte della nostra comunità. Non intendo dire altro. Tranne che il nostro paese ha un numero di positivi sotto la media riportata dai dati ufficiali. Molti altri paesi stanno peggio di noi».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità