Seguici su

Covid 19

Il nuovo piano vaccinale del Piemonte: tutte le novità e i dettagli

Presentato in Regione dal governatore Cirio in nuovo piano vaccinale Covid in Piemonte: tutte le novità e i dettagli

Pubblicato

il

Nuovo piano vaccinale in Piemonte

Il piano vaccinale Covid in Piemonte si aggiorna, con diverse novità. A presentarle sono stati ieri, durante una videoconferenza, il presidente della Regione, Alberto Cirio, e l’assessore Luigi Icardi. Il piano prevede quattro fasi e un cronoprogramma che sono stati rivisti dopo gli incontri con la struttura commissariale nazionale dei giorni scorsi. L’obiettivo è abbassare la letalità e limitare la diffusione del virus.

Piano vaccinale Covid in Piemonte: quattro le fasi previste

L’aggiornamento del piano vaccinale Covid in Piemonte, come accennato, prevede quattro fasi (vedi immagini). Il primo riguarda gli Ultra80enni.
A tal proposito, Cirio e Icardi hanno annunciato che ogni medico di medicina generale determinerà le priorità di vaccinazione degli ultra80enni che ha in carico sulla base delle patologie di ognuno e le caricherà su un’apposita piattaforma. L’Asl di appartenenza invierà a ogni anziano una lettera e un SMS per indicare luogo della vaccinazione, che non sarà lo studio del medico, che non può conservare i vaccini Pzifer e Moderna che saranno utilizzati, ma 60 tra poliambulatori distrettuali, case della salute e altre sedi. Qui saranno presenti i medici di medicina generale per la somministrazione del vaccino.

La logistica sarà curata dall’Asl, anche utilizzando i volontari della Protezione civile e delle Croci. Saranno i medici di famiglia a inoculare le dosi. Le persone che non possono spostarsi verranno prese in carico dall’Asl, che invieranno a domicilio medico e infermieri. Ogni medico dovrà occuparsi in media di 125 over80. L’obiettivo è vaccinare 10.000 persone al giorno.

Nelle Rsa continuerà la vaccinazione dei nuovi ingressi e degli operatori neoassunti.

Rivolgendosi ai 370mila ultra80enni, il presidente Cirio ha dichiarato che «per voi abbiamo individuato un percorso dedicato che vede protagonista il vostro medico di medicina generale, il medico di fiducia, quello della vostra famiglia e che quindi vi vedrà accompagnare al vaccino che vi verrà somministrato all’interno delle strutture individuate. Non gli ospedali, ma sedi messe a disposizione proprio per garantire un vaccino in sicurezza, ma soprattutto un vaccino immediato».

Per rafforzare la squadra vaccinale arriveranno in Piemonte 181 fra infermieri e medici messi a disposizione dalla struttura commissariale nazionale.

Fonte: Regione Piemonte

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending