Seguici su

Covid 19

Arrivano i cani “sniffa” Covid. Si potranno usare anche in Pronto Soccorso

I cani addestrati per individuare i casi di Covid sono una realtà. Un progetto pilota unico in Italia

Pubblicato

il

Cani che fiutano il Covid

TORINO – Arrivano i cani “sniffa” Covid. L’impiego dei cani addestrati per individuare viaggiatori con il Covid «è un progetto pilota unico in Italia che sosteniamo con entusiasmo e convinzione fin dall’inizio con la Maxi Emergenza regionale – spiega l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi – L’utilizzo dei cani per rilevare malattie negli esseri umani attraverso l’olfatto è già scientificamente provato nel caso di diverse patologie. Un valore aggiunto che intendiamo approfondire sul campo e che può aprire scenari molto interessanti sul fronte della Sanità, rivelandosi più efficace degli stessi test molecolari, proprio per la capacità di anticipare l’esito diagnostico».

Anche in Pronto Soccorso

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, durante la presentazione del progetto dell’Aeroporto di Cuneo, ha poi sottolineato che «i cani potrebbero strategicamente essere impiegati con successo non solo negli aeroporti, ma anche nei Pronto Soccorso, come nei contesti di emergenza e di assembramento in cui la velocità e l’affidabilità dell’analisi sono determinanti».

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità