Seguici su

Consumatori

Ristorante a Torino in precarie condizioni igieniche: sequestrati 20 kg di alimenti mal conservati

La Polizia Municipale di Torino sequestra 20 kg di alimenti mal conservati in un ristorante in precarie condizioni igieniche. Multa da 5.400 euro

Pubblicato

il

Ristorante in precarie condizioni igieniche a Torino

Negozi da paura a Torino: altro ristorante scoperto avere precarie condizioni igieniche e ampliamento abusivo dell’area di somministrazione. Per questo la polizia municipale lo sanziona per 5.400 euro e sequestra 20 kg di alimenti mal conservati.

Il ristorante di Torino in precarie condizioni igieniche

La scorsa settimana, durante un controllo sulla tutela della salute per il consumatore, gli uomini del Reparto Specialistico della Polizia Commerciale della Polizia Municipale hanno effettuato un’ispezione in un ristorante giapponese ubicato in corso Turati a Torino. Durante l’ispezione gli agenti hanno riscontrato precarie condizioni igienico sanitarie nella cucina e, all’interno dei congelatori (uno dei quali aveva un termometro non funzionante), gli agenti hanno rinvenuto diversi alimenti in cattivo stato di conservazione acquistati freschi e portati allo stato di congelazione senza l’utilizzo dell’abbattitore.

Il sequestro degli alimenti mal conservati

Gli agenti hanno dunque posto sotto sequestro giudiziario 20 chilogrammi di alimenti consistenti in fette di pollo, gamberi, vari tranci di carne rossa, polipo, spiedini di pollo speziati, verdure non identificate e ravioli misti.

Denuncia e multa alla titolare

La titolare del locale, una trentacinquenne di nazionalità cinese, è stata indagata in stato di libertà ai sensi dell’art. 5 della Legge 283/62 e, dagli accertamenti effettuati nei giorni successivi, è emerso anche che la superficie di somministrazione è stata ampliata di oltre 90 mq senza aver inoltrato le dovute comunicazioni agli uffici preposti del Comune. Il totale delle sanzioni comminate ammonta a circa 5.400 euro.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità