Seguici su

Ambiente

Torino, il gelo fa ingenti danni: perso tra il 70 e il 100% della frutta, danni a viti e coltivazioni

Il gelo primaverile ha fatto ingenti danni nella provincia di Torino. A soffrire sono in particolare gli agricoltori, con danni a coltivazioni, frutteti e vigneti

Pubblicato

il

gelo torino
Immagine rappresentativa

TORINO – Il gelo delle ultime due notti ha causato gravissimi danni al comparto frutticolo in tutta la provincia di Torino. Lo ha constatato la Coldiretti che ha condotto un monitoraggio tra le aziende associate.

Shock termico

«Le piante sono state sottoposte ad uno shock termico, con effetti devastanti sulle produzioni. – spiega Fabrizio Galliati, presidente Coldiretti Torino – Oltre alla frutta primaverile che era già in fioritura e alla poca verdura in pieno campo appena trapiantata, sensibili al gelo, a rischio nel torinese ci sono anche, se pur in misura sensibilmente minore, il mais appena emerso in superficie e la cotica prati; più resistente appare il grano».

Disastro frutticolo

«Nel Pinerolese si è trattato della peggior gelata primaverile dell’ultimo ventennio. Abbiamo avuto minime sotto lo zero dalle 7 alle 9 ore consecutive – dice il tecnico frutticolo Sergio Bunino – kiwi e albicocche hanno perso il 100% del futuro raccolto, il 90% le pesche, il 70-80% mele e pere. Un vero disastro».

Freddo nel Carmagnolese

«Il picco del freddo – rileva la Coldiretti provinciale – è stato registrato nel Carmagnolese, dove il termometro è sceso a -8: danni gravi nei campi di grano e mais e nelle pregiate asparagiaie. Gli agricoltori hanno cercato di porre rimedio al gelo con irrigazioni, posa di veli di ‘tessuto non tessuto’ o accensione di fuochi. In gran parte indenni le coltivazioni di peperone, le cui piantine sono state posate da poche settimane, in tunnel comunque riscaldati. Maggiori problemi con le fragole».

Danni ai vitigni

Nel Canavese segnalati danni ad Agliè, Castellamonte e San Giorgio, ai vitigni canavese-nebbiolo: il gelo ha seccato i germogli delle viti. ‘Bruciate’ anche le gemme dei vigneti destinati a produrre l’Erbaluce nella zona di Caluso. Danni fino all’80% a Cossano per pesche e kiwi. Sulla collina di Pecetto timori per le piante di ciliegio e albicocco. Nell’alta Valle di Susa compromessa la crescita di foraggio, come pure nella zona di Ciriè. 

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità