Seguici su

Viaggi

Piemonte da vivere e scoprire: i terrazzamenti delle Alpi che diventano itinerari spettacolari

Piemonte, ma non solo, da scoprire e vivere con i terrazzamenti delle Alpi che ora diventano anche itinerari spettacolari, a cavallo tra Lombardia, Valle d’Aosta e Cantone Grigioni in Svizzera. FOTO

Pubblicato

il

Itinerari in Valle d'Aosta
Itinerari dei terrazzamenti in Valle d'Aosta

La valorizzazione dei territori montani passa anche attraverso il recupero e la salvaguardia dei paesaggi dei terrazzamenti. Per questo è nato InTERRACED-net, un progetto di cooperazione tra Italia e Svizzera finanziato dal Programma Interreg Italia Svizzera 2014 – 2020che ha come obiettivo dare nuova vita a queste strutture importanti, frutto di saperi e manualità antiche.

Il progetto ha coinvolto l’intero arco alpino, grazie a nove partner (di natura pubblica e privata) tra Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Cantone Grigioni in Svizzera.

Il paesaggio terrazzato è un carattere distintivo di questi territori transfrontalieri e spesso fa parte di aree a grande valenza ambientale. Nel corso dei decenni però molte di queste porzioni di territorio alpino hanno subito processi di abbandono, con perdita di valori ambientali, culturali e identitari. In più, la scarsa manutenzione dei terrazzamenti nelle regioni alpine ha spesso comportato la riduzione di suolo produttivo, l’aumento di rischio idrogeologico e la perdita di patrimonio e di identità storico-culturale.

Il progetto, avviato nel maggio del 2019, ha considerato dunque questi terrazzamenti come risorse da riattivare in termini ecosistemici, fruitivi, di inclusione e sostenibilità, un patrimonio culturale e tecnico che il progetto InTERRACED ha voluto condividere e riportare alla luce.

Particolare attenzione è stata data, nella fase di studio, agli aspetti ambientali e naturalistici, storici ed etnografici, nonché a quelli turistici. Un complesso processo di analisi che è risultato fondamentale per compiere il passo successivo, ora in corso di lavorazione: disegnare un Piano d’Azione per la conservazione e la valorizzazione del paesaggio terrazzato che sia condiviso e adottato da tutti i partner. Il Piano sarà inoltre accompagnato dalla Carta del Paesaggio Terrazzato Transfrontaliero, un manifesto strategico che sancirà la volontà e l’impegno reciproco nel continuare il lavoro intrapreso durante i tre anni di sviluppo del progetto, costituendo una vera rete operativa.

Questo network permetterà di promuovere e rendere fruibili anche in chiave turistica iniziative che esprimano le molteplici potenzialità del territorio terrazzato transfrontaliero: eventi culturali e teatrali, pacchetti di soggiorno, trekking ed escursioni, oltre che percorsi didattici per le scuole.

Ma già dai prossimi giorni saranno online le prime proposte: i partner hanno infatti selezionato alcuni tra i più suggestivi e interessanti itinerari di trekking alle medie quote di montagna, per scoprire i territori terrazzati dell’arco alpino. Ora questi percorsi saranno pubblicati su alcune delle più importanti piattaforme dedicate al mondo della montagna e dell’outdoor (www.touringclub.it, https://camminiditalia.org, www.lovevda.it, www.opentrek.it, www.orobie.it e altri ancora), accompagnati anche da tracce georeferenziate: vie storiche, mulattiere lastricate, sentieri adatti ad escursionisti, più o meno esperti, ma desiderosi di scoprire l’antica tradizione dei terrazzamenti, patrimonio culturale di grande valore.

Capofila di parte italiana del progetto è l’Ente per la Gestione del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone (LC), mentre per la parte svizzera la leadership del progetto è affidata al Polo Poschiavo. Sempre sul versante svizzero, in Cantone Grigioni aderisce al progetto anche la Fondazione Mont Grand. Per la compagine italiana, partecipano inoltre, in qualità di partner: l’Ente di Gestione delle Aree Protette dell’Ossola (VCO), Il Parco Nazionale Valgrande (VCO) il Parco Monte Barro (LC), la Fondazione Fojanini (SO), il Consorzio Forestale del Lario Intelvese (CO), il CERVIM – Centro di Ricerche, Studi e Valorizzazione per la Viticoltura Montana (AO).

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità