Seguici su

Viabilità

Corsie preferenziali in città, se le rispetti ci guadagnano tutti. I video

Al via a Torino la campagna di “Educazione civich” con la presentazione del video spot “Rispetta le corsie preferenziali… Che sarà mai!”, per sensibilizzare chi non rispetta le regole e danneggia tutti i cittadini

Pubblicato

il

Che sarà mai
Rispettare le corsie preferenziali in città è un dovere

Rispettare le corsie preferenziali non è soltanto un atto di educazione e senso civico, ma un modo per far sì che tutti ci guadagnino. Per sensibilizzare gli automobilisti al rispetto delle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici e di soccorso, ieri mattina, sono stati presentati tre video. Gli spot, nati da una segnalazione di GTT S.p.A. sull’utilizzo improprio delle corsie riservate ai propri mezzi che ultimamente sta assumendo dimensioni sempre maggiori, sono inseriti all’interno di una più ampia campagna di ‘Educazione Civich’, di cui fanno parte anche i video tutorial sulla conduzione di biciclette e monopattini, messa in atto dalla Polizia Municipale di Torino per contrastare e ridurre quei comportamenti vietati, diffusi su tutto il territorio comunale, che possono avere un riflesso negativo sulla sicurezza e sulla vita quotidiana degli altri cittadini.

Prevenzione e formazione

«Si tratta di azioni di prevenzione e formazione in linea con la filosofia portata avanti fino a oggi, nella quale crediamo fortemente, che vanno ad affiancarsi alle azioni di repressione dalle quali non si può comunque prescindere – spiega il Comandante della Polizia Municipale, Emiliano Bezzon – Abbiamo recepito la segnalazione di GTT e le lamentele dei molti cittadini virtuosi e, come già avvenuto per i monopattini e le biciclette, seppur con tipologie di video differenti, attraverso l’ironia, come già fatto nei video sulle truffe agli anziani e in quello di sicurezza stradale sull’utilizzo del cellulare durante la guida, lo scopo è sempre quello di sensibilizzare automobilisti e cittadini al rispetto delle regole e del Codice della Strada, ma anche quello di enfatizzare gli effetti negativi che i comportamenti poco virtuosi hanno sulla vita del prossimo. “E che sarà mai!”, come dice il protagonista del video, è un modo comune di minimizzare con sufficienza gli effetti lesivi sugli altri cittadini, su quelle persone che perdono opportunità per colpa di un comportamento sbagliato, un mantra che sentiamo dire in maniera ricorrente… E che sarà mai!».

Video ironici, che fanno pensare

Due dei tre video mettono in risalto un aspetto ironico della vita che talvolta ribalta i ruoli delle persone, mettendoci taluni in una posizione di forza di fronte a individui che con un comportamento scorretto e spesso arrogante hanno provocato un disagio o un danno.

Il terzo video, invece, evidenzia ed enfatizza, in tono decisamente più drammatico, alcune delle conseguenze negative generate dai ritardi accumulati dai mezzi pubblici a causa di questa frequente abitudine di non rispettare il divieto di transito e sosta/fermata sulla corsia preferenziale.

«I ritardi dei mezzi pubblici spesso dipendono dai fermi di linea provocati proprio dalla sosta sulle sedi viabili riservate – spiega l’ingegner Giovanni Battista Rabino, direttore di Esercizio di GTT – Complessivamente nell’anno 2019, per dare un ordine di grandezza significativo ante covid del problema, abbiamo avuto 424 fermi in linea, tra autobus e tram, situazioni dove i mezzi non hanno potuto proseguire la marcia. Il fermo di un tram o autobus crea ritardi su tutta la linea di quel mezzo, quindi, sensibilizzare gli automobilisti con questo genere di iniziative è molto importante per abbassare i numeri dei fermi e dei conseguenti ritardi».

A costo zero e l’aiuto di tutti

I filmati sono stati realizzati a costo zero dalla Polizia Municipale, utilizzando risorse umane interne al Corpo, con la collaborazione di GTT S.p.A. che ha messo a disposizione mezzi, uomini e infrastrutture, e di alcuni cittadini (persone comuni, non attori di professione) che si sono prestati gratuitamente, per puro senso civico, nell’interpretazione del ruolo che gli appartiene nella vita quotidiana (il dentista e/o la manager aziendale). Gli spot saranno trasmessi su alcune reti televisive locali e divulgati sui Siti Internet istituzionali della Polizia Municipale (sezione ‘Educazione Civich’), di GTT e di 5T, sugli schermi delle stazioni Metro e dei mezzi di trasporto pubblico di nuova generazione, oltre che diffusi su vari canali Social media.

I Video

Rispetta le corsie preferenziali (ep.1)

Rispetta le corsie preferenziali (ep.2)

Rispetta le corsie preferenziali (ep.3)

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *