Seguici su

Scioperi

Sciopero GTT venerdì 24 gennaio: confermato da Rsu e Ugl. Revoca USB

Revoca o conferma dello sciopero? Ecco le fasce orarie garantite per venerdì

Pubblicato

il

Sciopero GTT venerdì 24 gennaio

TORINO – Rispondiamo, con questo articolo, alle numerose domande giunte in redazione nei giorni scorsi. Lo sciopero GTT previsto per venerdì 24 gennaio è stato revocato solo da USB ma confermato da RSU e UGL. Ecco, quindi, quali saranno le fasce di orarie garantite.

La revoca dello sciopero GTT da parte di Usb

I sindacati di base Usb hanno revocato lo sciopero proclamato per venerdì 24 gennaio. «Lo abbiamo deciso per le condizioni climatiche particolarmente gravi che hanno portato ai blocchi di circolazione a Torino.    C’è stato un incontro con Gtt che si è impegnata a ristabilire corrette e costruttive relazioni industriali», spiega l’Usb che ha anche apprezzato «l’apertura della Regione e del Comune ad aprire un dialogo anche con la nostra organizzazione sul piano industriale Gtt».

Confermato lo sciopero di Rsu e Ugl

Le rsu di Gtt e l’Ugl hanno confermato per venerdì 24 gennaio lo sciopero aziendale di 24 ore del trasporto pubblico locale urbano, extraurbano e delle ferrovie. Per lo stesso giorno era proclamata una protesta, sempre di 24 ore, dei sindacati di base Usb, che è stata invece revocata.

Lo sciopero GTT previsto per venerdì’ 24 gennaio

Venerdì 24 gennaio 2020, perciò, è previsto uno sciopero aziendale di 24 ore del settore trasporto pubblico locale. Lo sciopero è stato proclamato dalla Organizzazione Sindacale Ugl Autoferrotranvieri dalla RSU del personale viaggiante TPL urbano e extraurbano.

Il servizio sarà garantito nelle seguenti fasce orarie:

Servizio URBANO e SUBURBANO, METROPOLITANA e Centri di Servizi al Cliente:

dalle ore  6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 12.00 alle ore 15.00

Autolinee Extraurbane, linee urbane di Ivrea e Servizio Ferroviario (sfm1 – Canavesana e sfmA – Torino – aeroporto – Ceres):

da inizio servizio alle ore 8.00 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità